iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Francesco Sanna, primo firmatario, spiega le ricadute positive per l'industria sarda dall'approvazione degli emendamenti

I senatori sardi del Partito Democratico hanno formalizzato cinque emendamenti al Disegno di Legge 1195, in discussione presso la Commissione Industria del Senato, che se approvati faciliteranno la soluzione dei problemi del caro energia, della diffusione delle fonti rinnovabili, della ricerca e della innovazione tecnologica nel settore energetico, dell’uso ambientalmente compatibile del carbone.

di Stefano Folli da "Il sole 24 ore" del 10 gennaio 2009

Non sappiamo se Renato Soru diventerà prima o poi il leader del Partito Democratico. Forse sì, forse no. Dipende dalle infinite circostanze della politica più che dalle pressioni mediatiche. E anche, è evidente, dal risultato delle imminenti elezioni regionali in Sardegna.

Una lettera di critica al Senato dei liceali di Pontedera. Su La stampa di Torino l'opinione di Francesco Sanna

Una «cortese signorina» aveva prospettato ai ragazzi un’appassionante discussione in aula. Invece si sono trovati davanti a quello che accade normalmente durante la discussione generale di una legge: il deserto e con i pochi senatori presenti affaccendati a leggere i giornali, chiacchierare o compulsare il computer.

Il documento dei gruppi del PD esamina i contenuti della finanziaria del Governo e ne rileva le inadempienze rispetto alla grave crisi economica

La discussione della Finanziaria avrebbe potuto essere l'occasione per discutere seriamente la direzione in cui sta andando la politica economica del Paese. Purtroppo non è stato così. Le misure inserite nella manovra e al di fuori di essa sono deboli. Di questa Finanziaria, infatti, il governo vanta il pregio della "leggerezza" ma in realtà è del tutto inadeguata al nuovo contesto di gravissima crisi economico-finanziaria mondiale.

marted? 23 dicembre, a tarda sera, l'epilogo della XIII legislatura dell'Assemblea legislativa sarda

"Confermo le dimissioni con la massima serenità. Ho voluto cercare di gestire questa crisi nel migliore dei modi. In Consiglio, nella discussione trasparente come in una agorà, non nelle stanze segrete. La crisi è nata qui, alla luce del sole, sulla legge urbanistica: una discussione chiara da cui speravo che nessuno si astenesse, e qui ho voluto che si concludesse. Non rispondo ai tanti senza memoria, ai sepolcri imbiancati"( vai su segue e guarda i video).

Francesco Sanna intervistato dal giornalista Paolo Piras

All'hotel Mediterraneo di Cagliari, sabato 13 dicembre 2008 - nel convegno di 360Sardegna, Francesco Sanna illustra le proposte del PD per sostenere le famiglie italiane di fronte alla grave crisi economica. Il senatore democratico parla dei provvedimenti errati di politica economica del governo Berlusconi e richiama l'attenzione dei cittadini sulla sfida del federalismo fiscale: un provvedimento che se attuato coi propositi leghisti può rappresentare un ulteriore freno allo sviluppo del meridione d'Italia. La Sardegna è pronta - secondo Francesco Sanna- grazie alla gestione virtuosa del governo sardo da parte del centrosinistra, a raccogliere la sfida dell'efficienza e della buona amministrazione ( foto www.ducanlewis.co.uk).

Il popolo del centrosinistra ha affollato la sala dell'hotel Mediterraneo

I problemi di tutti i giorni della gente comune. I conti con la crisi sempre più preoccupante. La politica spot di Berlusconi e l'opposizione del PD. Il messaggio politico di Enrico Letta in tandem con Renato Soru: questi gli ingredienti che hanno convinto il popolo del centrosinistra ad affollare l'incontro cagliaritano di Trecentosessanta Sardegna ''Occorre prepararsi alle urne,  perché è la cosa più naturale'', ha detto Enrico Letta riferendosi alla Sardegna. Gli ha fatto eco Renato Soru ''Non c'è una sola cosa che abbiamo fatto in questi cinque anni pensando alle prossime elezioni. Abbiamo fatto le cose che ritenevamo giusto fare, non quelle che creavano il massimo consenso''. Marco Meloni ha illustrato le politiche sull'Welfare in Sardegna. Francesco Sanna ha spiegato la posizione del PD sulla crisi economica e sul federalismo.

Francesco Sanna scrive a L'Espresso: cos? ho superato la burocrazia del Senato

Sono molto d’accordo con Pietro Ichino sulla necessità che la trasparenza patrimoniale che è dovuta dai parlamentari e dagli amministratori pubblici debba sfuggire alla complicata consultazione delle Gazzette Ufficiali cartacee. Internet aiuta molto.

Il testo del Dl e gli interventi dei senatori PD Vitali, Bastico, Sanna

Il tema dell'attuazione del federalismo fiscale è iscritto nell'agenda politica ormai da sette anni.  Lo scopo di qualsiasi tipo di Stato caratterizzato da un forte decentramento di poteri - sia esso uno Stato federale, come la Germania, sia uno Stato regionale, come la Spagna - è quello di responsabilizzare i livelli di governo più vicini ai cittadini nella gestione virtuosa della finanza pubblica.

Francesco Sanna ha scritto ai sindacati: a Roma si lavora sulla politica energetica

Oggi a Roma, in Senato, è giornata piena di lavoro. Per la prima volta da quando ho assunto incarichi legislativi non partecipo, in miniera, alla festa di Santa Barbara.Profitto della disponibilità delle rappresentanze sindacali territoriali e di categoria per far giungere un augurio a tutti i minatori e i tecnici della Carbosulcis, ed aggiornare sullo stato dei lavori della Commissione Industria del Senato sul disegno di legge n° 1195, che reca disposizioni sulla politica energetica del Paese.

Francesco Sanna risponde all'interpretazione restrittiva data da Giacomo Spissu verso i poteri della Giunta

La legge statutaria della Sardegna, sino a quando le dimissioni del Presidente della Regione non divengono efficaci, non prevede limiti ai poteri di Giunta e Consiglio. Non c’è nessun elemento testuale che possa indurre a questa interpretazione. Su tale punto ho un’opinione diversa da quella espressa alla stampa dall’onorevole Spissu.

Bocciato l'emendamento della Giunta sull'urbanistica: i dissidenti del centrosinistra votano insieme alla destra

Nella seduta del Consiglio regionale della Sardegna, di martedì 25 novembre 2008, una parte del centrosinistra, col concorso dell'opposizione, ha respinto un'emendamento del Presidente Soru sulla legge urbanistica.  Idee diverse su come si governa il territorio della Sardegna ma ancora di più  la mancanza di fiducia tra il leader del centrosinistra e parte della maggioranza, hanno convinto Renato Soru a rassegnare le dimissioni da Presidente del governo della Sardegna. (Il video della conferenza stampa)

A causa del veto governativo Palazzo Madama non ha accolto la proposta dei senatori del PD

Il governo Berlusconi, anche in presenza del voto positivo della Commissione Bilancio, ha posto il veto all'emendamento dei senatori del PD che è stato respinto dall'Aula, primo firmatario Francesco Sanna, che stanziava 20 milioni di euro per favorire il ritorno alle normali condizioni di vita per le popolazioni della Sardegna colpite dagli eventi alluvionali del 22 ottobre e del 4  novembre 2008 , e sostenere la ripresa delle attività commerciali, agricole, produttive, di servizi e turistiche nei territori interessati col riconoscimento degli sgravi fiscali ( video dell'intervento in Senato).

Il presidente Soru al Corriere spiega la sua ricetta per difendere la scuola sarda dai tagli del governo Berlusconi

A una certa idea dell'istruzione Renato Soru ci crede davvero. E lo dimostra introducendo in Sardegna il «suo» tempo pieno per primarie e medie. Dice che non lo fa per andare contro la Gelmini, «anche se è doveroso l'aiuto alle autonomie scolastiche in difficoltà a causa dei tagli». C'è dell'altro, una diversa motivazione legata al senso che si vuole dare alla parola scuola, aspetto di non trascurabile importanza spesso assente dall'attuale e noto dibattito. «Sono convinto che sia un mezzo per promuovere e migliorare la qualità delle nostre vite.

Francesco Sanna illustra i contenuti del provvedimento che a breve arriver? a Palazzo Madama

Il prossimo mercoledì pomeriggio,  la Commissione Industria del Senato inizierà a discutere, proveniente dalla Camera dei Deputati, il disegno di legge sulle politiche energetiche nazionali (il DL 1195, nella numerazione del Senato). La Commissione troverà depositato un emendamento, il cui testo ho già predisposto, per allargare anche a fine di coltivazione ed estrazione del metano presente negli strati profondi del giacimento carbonifero, gli incentivi ai progetti sperimentali di cattura e sequestro dell’anidride carbonica, prodotti dagli impianti termoelettrici di generazione elettrica.



mercoledý 8 ottobre 2008

L'avevo salutato l'ultima volta in Senato, nella seconda metà di luglio, in una riunione congiunta della Commissione Affari Costituzionali e Giustizia, che lo avevano ascoltato sul cosiddetto Lodo Alfano , i cui contenuti uscirono letteralmente distrutti dalla sua lucida e coltissima analisi.  Mi dissero allora che aveva fatto oltre cento sedute di radioterapia, nonostante un' apparente buona condizione esterna della persona.

Gli davo del tu da quando, agli inizi degli anni 90, era passato dall'Università e dalla guida della Corte Costituzionale alla politica attiva, prima parlamentare e poi ministro. Si può dire che militavamo nella stessa area della DC e del Partito Popolare Italiano. Il movimento giovanile lo invitava spesso ai suoi convegni. Ascoltarlo era sempre bello ma sopratutto ti richiamava alla necessità che dietro una idea delle istituzioni democratiche e le ipotesi della loro riforma ci dovesse essere una seria conoscenza dei sistemi istituzionali, della loro storia, dei loro pregi e dei loro difetti. Non era uno studio semplice, e la superficialità faceva danni.

Una cosa suggestiva che mi ha raccontato ( e che ho immaginato per qualche tempo si potesse applicare all'esigenza di rinnovamento della politica) è una storia americana. Alla Corte Suprema statunitense il mandato dei giudici è a vita. Quando uno di loro  non ce la fa più, il loro migliore amico lo và a trovare a casa, e gli dice: è il tempo. E lui si dimette.

Documentazione e materiale informativo