iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Il ricordo dell'amico Nino Andreatta, di Francesco Sanna (da L'Unione sarda)

Chi incontrava Nino Andreatta a Roma, nel suo studio in piazza Santa Andrea della Valle, era costretto a guardare un quadretto, appeso sulla parete affianco alla sua figura. Rappresenta, ritagliati su fogli di spartito musicale, il profilo di una pipa (quella che secondo dicerie riponeva in tasca ancora accesa, un po' il suo simbolo) e una colomba in volo.

Soddisfazione di Francesco Sanna che aveva aperto in Aula gli interventi sulla legge per il centrosinistra

L'Assemblea di via Roma, dopo gli stop forzati delle scorse settimane causati dall'occupazione dell'Aula da parte del centrodestra, e dopo un'articolata discussione di oltre un mese, ha approvato un'importante legge che riforma profondamente il funzionamento delle Istituzioni sarde. A questo provvedimento, che pu? essere consultato e scaricato qui, nella versione integrale che era entrata in Aula, e ad altri importanti pezzi di riforma della Regione sarda dedichiamo una sezione speciale del sito. Riteniamo, infatti, indispensabile che attraverso tutti i mezzi possibili si apra e si animi il dibattito anche al di fuori delle sedi istituzionali, perch? la stagione delle riforme produca buoni frutti per la Sardegna. Francesco Sanna ha sintetizzato nel documento che segue il contenuto della legge Statutaria.

Dichiarazioni di Francesco Sanna a La Nuova Sardegna

IGLESIAS. Posizioni contrastati, divisione tra ottimisti e, se non pessimisti, certamente meno entusiasti. La posizionedi Bruxelles sul nodo delle tariffe energetiche basse per le industrie a grande consumo ha suscitato comunque prudenza nel territorio. Meglio attendere per capire meglio sulla base di elementi ancora pi? concreti, Francesco Sanna (nella foto), consigliere regionale della Dl-Margherita, aveva sollecitato la strada del confronto politico che vedesse protagonista di prima fila il governo nazionale per approdare in primo luogo a uno spiraglio.

Le dichiarazioni a La Nuova Sardegna dei consiglieri comunali Giuliana Pintus e Augusto Cadeddu

Un traguardo importante per la citt? e il territorio che permetter? di realizzare un presidio sanitario di eccellenza nel settore della pediatria?. Soddisfazione per le scelte del Piano sanitario e in particolare per il risultato raggiunto con la salvaguardia della chirurgia pediatrica nel sistema sanitario del territorio, viene ribadita dagli esponenti della Margherita nel consiglio comunale.

Entro l'estate il Consiglio regionale approver? le leggi che cambieranno il volto della massima istituzione sarda

La Commissione autonomia del Consiglio regionale  ha la competenza sulle leggi di riforma. In questi giorni ha licenziato e trasmesso al Consiglio per la discussione e  l?approvazione il testo della legge statutaria. Un testo che ha fatto e fa discutere e sul quale ha iniziato ad accendersi un minimo di passione civile e politica. Peccato che il focherello sia alimentato pi? dal furore antisoriano che accomuna l?opposizione e pezzi ( minoritari) che fanno riferimento alla coalizione di maggioranza che da una proposta alternativa nel merito.

La lettera augurale: un modo per comunicare la vicinanza personale e l'impegno nelle istituzioni

Con coraggio vanno fatte scelte di valori, vanno rispettati e sostenuti il desiderio e il bisogno di lavoro. E' il compito difficile ma importante proprio per i tempi di maggiore difficolt? (Cardinale Carlo Maria Martini).

Rispettare e sostenere il desiderio ed il bisogno di lavoro, come ci ricordano le parole del cardinale Martini che ho voluto imprimere negli auguri per le prossime Festivit?, ? l?orizzonte che ho cercato di dare alla attivit? di consigliere regionale nell?anno che ci stiamo lasciando alle spalle.
Ho provato a farlo con molte iniziative, alcune delle quali hanno ricevuto l?attenzione della stampa e della televisione locali, mentre altre le potrai leggere su questo sito internet.
Consolidare l?impresa ed il lavoro che c??, modernizzare le istituzioni regionali e le autonomie locali perch? aiutino a crearne di nuovo, mettere in movimento il patrimonio e le societ? della Regione che operano nel Sulcis, sollecitando la partecipazione di privati ?capitali coraggiosi?: queste le linee d?azione alle quali ho concorso, ed alcune delle quali voglio brevemente ricordare.

A distanza di 22 anni la Regione Sarda si accinge a ripensare la sua Programmazione Sanitaria

Il nuovo Piano dei Servizi Sanitari, disponibile e scaricabile qui sotto nel testo approvato dalla VII Commissione, approderà nell'Aula del Consiglio Regionale il prossimo martedì 19 dicembre. La Regione si accinge ad approvare, a distanza di 22 anni dall'ultimo Piano adottato, un atto di programmazione che è un vero e proprio riordino di sistema del pianeta sanità.
La proposta di Piano contiene anche il provvedimento di razionalizzazione della rete ospedaliera che giunge anch'esso ad oltre 8 anni da quello approvato precedentemente. L'ammontare delle risorse che il sistema sanitario impegna nel bilancio della Regione Autonoma della Sardegna, per quasi la metà delle poste di bilancio,  le migliaia di lavoratori che vi operano, ma soprattutto i cittadini utenti che giornalmente usufruiscono di uno dei servizi fondamentali dello stato sociale, fanno di questo tema uno dei più sentiti dall'opinione pubblica. Se ne parlerà ad Iglesias in un convegno de La Margherita, a cui partecipano gli operatori della sanità, le associazioni di volontariato e di tutela del malato, e gli amministratori locali. I lavori saranno introdotti e coordinati da Francesco Sanna, Consigliere regionale de La Margherita, interverranno Nazareno Pacifico, Consigliere regionale dei DS relatore della proposta di Piano e Benedetto Barranu, Direttore Generale della ASL 7.


 

Dopo quasi cinquant'anni di Autonomia una riforma organica degli organi Legislativo ed Esecutivo

Il testo di legge statutaria approvato dalla Commissione Autonomia del Consiglio vede elaborati quasi al completo i temi delle riforme istituzionali che lo Statuto assegna a questo tipo di fonte giuridica. Evidenzio anzitutto i poteri ed i rapporti tra gli organi della Regione, con la precisazione dei poteri di Presidente e Giunta, ed il rafforzamento del profilo politico e di responsabilit? amministrativa del singolo Assessore; poi l?articolazione e la puntuale definizione dei poteri del Consiglio Regionale, sia per ci? che attiene l?indirizzo politico, sia sul versante del controllo dell?Esecutivo, dei suoi atti, e della attuazione delle leggi.

Enrico Letta ha scritto a Francesco Sanna che aveva sollecitato il provvedimento

Caro Francesco,
      rispondo con qualche rapida annotazione alla Tua lettera di qualche giorno fa. Ovvio che condivido le considerazioni generali che mi rivolgi circa la necessit? che l?Italia riprenda ad avere ambizioni e politiche da grande Paese industriale.
 Il senso di molte cose che il Governo sta facendo, le riforme spesso non indolori quando introducono elementi di competizione e regole nel mercato, di innovazione e giustizia, quando spingono alla mobilit? sociale, riducendo convenienze e rendite parassitarie, si ritrova in un?idea dell?Italia che ? comune alla maggioranza dei nostri concittadini. Lo Stato deve fare il suo dovere ma fammi dire che servono anche profondi cambiamenti di stile e cultura nell?impresa e nelle comunit? locali per rimettere in circuito questi valori, altrimenti la conservazione ed i privilegi prendono il sopravvento.

Francesco Sanna scrive al Sottosegretario Enrico Letta

Sig. Sottosegretario, caro Enrico,

come ben sai per essertene occupato in questa come in precedenti esperienze di governo, il nostro Paese rischia di perdere quote importanti della sua presenza industriale, se rapidamente non sapr? rimettere in campo politiche efficaci che favoriscano l'innovazione tecnologica, la ricerca, le reti, il costo dell'energia, la competizione e la concorrenza in tutti i settori. 

Francesco Sanna ha scritto su Sardinews delle sfide e delle possibilit? offerte dalla realizzazione del Tubo Africa, Sardegna, Europa

Negli ultimi tempi nella nostra Isola si stanno costruendo fatti importanti, che influenzeranno il futuro di una Sardegna che non si rassegna alla scomparsa dell?industria, tutti legati dal filo rosso dell?energia.

Francesco Sanna, nelle dichiarazioni a La Nuova Sardegna, sostiene la svolta eolica della Giunta: critica l'opposizione

Da La Nuova Sardegna (di Giuseppe Centore).

"Tutto ci? che la Regione pu? fare, indipendentemente da come finir? la vicenda delle tariffe speciali, per rendere pi? appetibile il mercato dell?energia in Sardegna ? benvenuto. ? evidente che serve una corsia preferenziale a chi usa l?energia come materia prima, e pensare di dedicare anche l?eolico a chi ? costrettoacquistare energia a caro prezzo non ? una cattiva idea, ma ? una ottima idea".

Finanziaria Nazionale: subito oltre 600 miloni di euro e a regime olltre 1miliardo e 500 milioni di euro

La modifica dell?articolo 8 dello Statuto Sardo nel disegno di legge della Finanziaria 2007 ? un evento per il quale non ? sprecato l?aggettivo storico.
Anzitutto per lo sforzo immediato, in un tempo difficile per le casse dello Stato, nella restituzione delle somme che in passato non sono state corrisposte alla Sardegna e per la velocit? nell?adeguamento del nuovo regime.

L'intervista de L'Unione Sarda (G. Deiana) a Francesco Sanna

S? al rigassificatore ma solo se ci sar? anche un metanodotto. Le due opere sono legate tra loro e possono essere utili a far uscire la Sardegna dall'isolamento energetico. Ma bisogna fare in fretta e ?cavalcare l'onda ciclica degli investimenti nel settore del gas, fenomeno che si ripete pi? o meno ogni vent'anni?. La proposta arriva da Francesco Sanna, consigliere regionale della Margherita e componente dello staff di Enrico Letta nel periodo in cui l'attuale sottosegretario alla Presidenza del Consiglio occup? la poltrona del ministero dell'Industria.

Le dichiarazioni di Francesco Sanna a La Nuova Sardegna

L?Eurallumina e il suo bacino di fanghi rossi, passa nelle mani dei giovani manager russi della generazione Putin e lo stabilimento di Portovesme rivela un appeal internazionale che la crisi energetica non faceva neppure supporre. Francesco Sanna, vice presidente del gruppo consiliare della Margherita, interviene per chiedere la maggiore trasparenza possibile sull?operazione.



giovedý 13 marzo 2008

Per emanciparsi dalla demagogia forzista in salsa sarda non basta presentarsi con liste diverse alle elezioni politiche. L'UDC ripete oggi la critica alla intesa sulle entrate che per fortuna siamo riusciti a mettere nella prima Finanziaria utile del governo Prodi, nel dicembre 2006. Secondo i casiniani sardi, bisogna rinegoziare quel risultato, perchè è sbagliato che la Regione si faccia carico delle spese per i trasporti e la sanità. Dimenticano che, anche con quelle competenze direttamente sostenute dal nuovo assetto delle entrate, la Sardegna ci guadagna non meno di un miliardo e mezzo di euro all'anno. Dio non voglia dovesse avverarsi l'incubo del ritorno di Tremonti all'Economia, suggerirei agli amici UDC di non accennargli la questione. Per non finire come Charlie Chaplin in quel film in cui Charlot doveva purgare un cavallo soffiandogli nel didietro, e finì che il cavallo ... soffiò più forte di lui.

Francesco Sanna

Documentazione e materiale informativo