iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Francesco Sanna ha chiesto che il Presidente del Consiglio si faccia carico delle gravi conseguenze che il provvedimento arreca alla pesca in Sardegna

Il ministero dell’agricoltura, che si accinge a ridurre le quote di pesca del tonno rosso alle tonnare, rendendo non sostenibile l’attività nel Sulcis, non può cogliere tutte le implicazioni negative del provvedimento. Per questo motivo la sua adozione deve essere sospesa e il caso valutato in Consiglio dei Ministri, dove andrà invitato, ai sensi dello Statuto speciale della Sardegna, il Presidente della Regione.

Francesco Sanna da conto di un colloquio col ministro dell'Agricoltura Catania al quale ha chiesto la modifica del decreto sulle quote del tonno rosso

Caro Ministro, il decreto sulla ripartizione delle quote di cattura del tonno rosso che stai per adottare è sbagliato. Assegnare alle tonnare una quota troppo piccola non considera adeguatamente la sostenibilità economica di questo sistema di cattura, il più antico, e questa penalizzazione rischia di impedire la pesca del tonno in Sardegna.

Sanna (Pd): «Con la bocciatura europea niente continuità territoriale». L'Unione Sarda, domenica 18 marzo 2012

«Da lunedì dovremmo pensare seriamente a cosa fare per evitare il tracollo di Tirrenia e il blocco della continuità marittima per la Sardegna». Così il senatore del Pd Francesco Sanna commenta la decisione dell'Antitrust europeo sul rigetto della vendita alla Compagnie italiana di navigazione (Cin).

Francesco Sanna chiede che la probabile bocciatura della vendita di Tirrenia non limiti i diritti alla mobilità dei sardi

Il Governo deve iniziare a mettere misure che mettano in sicurezza il trasporto marittimo delle persone e delle merci da e per la Sardegna fornito in regime di continuità territoriale, chiedendo collaborazione totale  a tutte le più importanti compagnie di trasporto marittimo italiano.

L'intervento di Francesco Sanna nel Consiglio regionale della Sardegna, Cagliari 16 marzo 2012

Questo è un giorno importante per il dialogo tra le forze politiche e sociali e la discussione pubblica sulla questione Sardegna. Credo che tutti siamo d'accordo nel dire che è un tempo questo di responsabilità per le istituzioni, per le organizzazioni sociali, le più grandi e le più piccole, direi anche sino ad arrivare alle singole famiglie che abitano in questa nostra bella terra.

Il testo presentato dai senatori democratici, primo firmatario Gian Piero Scanu, e sottoscritto da parlamentari di diversi gruppi politici, 8.3.12

La regione Sardegna subisce il vincolo del proprio territorio per l’utilizzo da parte dello Stato di aree demaniali e servitù militari nella misura dell’80% del totale nazionale;  in Sardegna sono dislocati tre poligoni di tiro, a Capo Teulada, a Capo Frasca e a Salto di Quirra, corrispondenti a ben 35.000 ettari di territorio;

Il testo unificato approvato dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato, Roma 7 marzo 2012

Art. 16. - 1. Il Consiglio regionale è eletto a suffragio universale con voto personale, uguale, libero e segreto, ed è composto da sessanta consiglieri. La composizione del Consiglio non può variare, neppure in relazione alla forma di governo e al sistema elettorale prescelto, se non mediante il procedimento di revisione del presente Statuto ( sotto la lettera col parere della Presidente del Consiglio regionale della Sardegna).

Entro Pasqua il Senato potrebbe licenziare la Legge e trasmetterla alla Camera: soddisfazione di Francesco Sanna

“Un primo ma importante passo delle riforme istituzionali, una prova positiva di dialogo tra Parlamento e Regioni speciali” è il commento del senatore PD Francesco Sanna, relatore insieme al collega Ferruccio Saro sui disegni di legge costituzionale per la riduzione della composizione delle assemblee legislative delle regioni a statuto speciale, dopo la loro approvazione all’unanimità da parte della Commissione Affari Costituzionali del Senato.

Il testo dell'articolo frutto dell'emendamento proposto da Francesco Sanna in Senato

Si tratta dell'articolo 48 del decreto legge liberalizzazioni, riguarda i dragaggi dei porti (industriali, commerciali, turistici: tutti i porti e i lavori a mare) ma soprattutto interessa le strutture e le aree da bonificare ricomprese nell'ambito dei siti di interesse nazionale.

Il sottosegretario Improta ha risposto all'interrogazione dei senatori PD, I firmatario Francesco Sanna (29.2. 2012- sotto il testo della risposta))

Registro certamente la tempestività della risposta del governo Monti alla interrogazione del Pd su Tirrenia. E la registro con piacere perché è in netta discontinuità con il governo precedente che mai ha risposto a ripetute interrogazioni e interpellanze sullo stesso tema, sulla vendita della flotta pubblica, sulla organizzazione del servizio pubblico di trasporto marittimo, che pure valgono ogni anno 181 milioni di bilancio pubblico (sotto, in allegato, il testo della risposta del Governo)

Le dichiarazioni di Francesco Sanna riprese dal giornale online Linkiesta

Alleanze «morte e sepolte», accuse a distanza, provocazioni. Ma per un giorno Pdl e Lega Nord saranno di nuovo alleati. Succederà mercoledì prossimo, a Palazzo Madama. Quando il Senato sarà chiamato a votare l’autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti dell’ex ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli. La vicenda risale a un anno fa e vede il senatore padano indagato per l’utilizzo improprio di un volo di Stato. Contrariamente a quanto era trapelato nelle ultime ore, anche stavolta i berlusconiani sembrano voler garantire il proprio appoggio alla Lega.

Francesco Sanna fa il punto sulla vertenza dopo l'audizione in Senato del Commissario D'Andrea ( in allegato il video del 22.2.12)

Le risposte del commissario non mi hanno soddisfatto, su molti punti c’è una non tollerabile vaghezza, pur accompagnata dalla disponibilità ad approfondimenti futuri. Abbiamo invitato a rimuovere gli omissis dalle relazioni trimestrali sulla situazione finanziaria della società. A precisare dove finiscono, rotta per rotta, nave per nave, i 72,6 milioni di euro di sovvenzioni messe a disposizione dallo Stato ( Video, da 0 a 44' le dichiarazioni di D'Andrea, dal min. 45 le domande di F.Sanna).

Francesco Sanna riferisce sull'esito dell'incontro odierno tra la delegazione sarda e il Presidente del Consiglio Monti

" E' da apprezzare che accanto al Presidente del Consiglio ed al sottosegretario Catricalà all'incontro a
Palazzo Chigi fossero presenti molti vertici amministrativi dello Stato, e che Mario Monti abbia lasciato
chiaramente intendere che al prossimo incontro sarà operativo, su ogni parte della vertenza Sardegna sul quale lo Stato ha da impegnare la sua competenza". Lo dichiara il senatore Francesco Sanna, delegato dai parlamentari sardi del PD a rappresentarli nella riunione.

La prossima settimana si conclude la discussione in Commissione con i testi per l'Aula, 25 gennaio 2012

Procede in Senato l’iter dei disegni di legge costituzionale di riforma della composizione dei Consigli delle Regioni speciali (Sicilia, Sardegna, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Val d’Aosta). Completata oggi l’illustrazione dei disegni di legge da parte dei relatori – Francesco Sanna del Partito Democratico e Ferruccio Saro del PDL – la prossima settimana la Commissione Affari Costituzionali inizierà una rapida indagine conoscitiva, per poi passare alla discussione e preparare i testi per l’aula.

L'AUDIO dell'intervento di Francesco Sanna al forum del PD Sardo sulle riforme istituzionali, Cagliari 23 gennaio 2012

Durante il forum sulle riforme istituzionali, promosso dal PD Sardegna, Francesco Sanna ha fatto il punto sui lavori del parlamento che entro il mese di febbraio 2012 dovrebbe approvare la nuova Carta delle Autonomie Locali che disciplinerà in nuovi poteri di comuni, province e comuni metropolitani. Il testo prevede la restrizione dei poteri, non l'annullamento, delle province - che diventeranno organismi di secondo grado- e l'aumento delle competenze per Regioni e Comuni.In questo modo l'art.23 del decreto "salva Italia" sarebbe innovato e superato dalla carta delle Autonomie locali.