iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Il segretario provinciale del Pd Emanuele Cani vince le primarie dei parlamentari per il PD

Beh ragazzi, ho perso. Grazie a tutti quelli che mi hanno voluto dare una mano in queste primarie con grande passione e senza chiedere nulla in cambio, bastandogli la promessa di un impegno che sarebbe continuato e che ora proseguirà in altre forme.

Francesco Sanna rende disponibili alle imprese il modello zona franca dell'Aquila che sarà operativo nel 2013 anche per il Sulcis e per 9 città sarde

L’approvazione dei miei emendamenti al decreto legge “Crescita” ha istituito un sistema di fiscalità di vantaggio (la cosiddetta “Zona Franca Urbana”) in tutti i 23 comuni del Sulcis Iglesiente. Si tratta, in sostanza, di un sistema di esenzione dalle principali imposte e tasse a favore delle piccolissime e piccole imprese – cioè quelle sino a 50 dipendenti – per un totale massimo, nel tempo, di 200 mila euro.

Soddisfazione di Francesco Sanna per il provvediemnto varato dal Senato. 6 dicembre 2012

In Sardegna, rispetto al passato, oltre Cagliari, Quartu Sant’Elena ed Iglesias, città già individuate dal CIPE nel 2009, potranno attivare la zona franca urbana anche Sassari, Alghero, Olbia, Oristano, Selargius, Carbonia.

Soddisfazione di Francesco Sanna per il voto della Commissione Finanze di Palazzo Madama

Sono molto soddisfatto di questo risultato – ottenuto in un momento particolarmente difficile per le finanze dello Stato. Penso che queste ulteriori risorse diano notevoli polmoni finanziari al Piano Sulcis. Ora non dobbiamo attendere un giorno di più perché emergano e si raffinino le idee ed i progetti imprenditoriali capaci di trasformare la crisi del modello economico del Sulcis in una opportunità di diversificazione del nostro modello di sviluppo. Cerchiamo capitali coraggiosi e invitiamoli a cimentarsi nel Sulcis Iglesiente.

Il senatore democratico chiede al PDL di rivedere il pronunciamento contrario espresso in Commissione

La proposta, contenuta in una nuova stesura dell’articolo 34 del decreto, prevede che le somme restituite dalle imprese per effetto delle decisioni comunitarie non tornino alla Cassa Conguagli del settore elettrico, ma vengano reimmesse nel bilancio dello Stato e messe a disposizione del Governo per le politiche di sviluppo locali, come quelle indicate dal Piano Sulcis

Francesco Sanna espone i contenuti dell'incontro col sottosegretario del ministero dell'Ambiente

Dall’incontro con il sottosegretario mi sembra di trovare disponibilità a rendere più compatto ed efficiente l’organo di gestione collegiale del Parco di quello immaginato sino ad ora. La voce dei Comuni nel governo dell’ente deve essere forte, ma non rinuncerei alla presenza dello Stato, vedo altrimenti il rischio di trasformare il Geominerario da Parco Nazionale a parco regionale.

La proposta presentata da Francesco Sanna è stata respinta con i voti del centrodestra e dalle incertezze del'IDV

Chi ha responsabilità nelle istituzioni e vuole restituire loro credibilità, alcune scelte  deve farle oggi, non può rimandarle. Stupisce allora che una proposta sensata e nemmeno rivoluzionaria, come quella di trasformare i vitalizi dei consiglieri regionali in pensioni assoggettate al metodo contributivo dal 1° gennaio 2013- per i senatori e i deputati si applica dal 1 gennaio 2012-  abbia avuto solo il consenso dei senatori democratici.

Interrogazione del Senatore democratico Francesco Sanna

 

La maggior parte degli interventi di risanamento programmati dal CIPE nell’ambito del Piano Sulcis, di cui discuteremo domani a Carbonia con il Governo, sono realizzabili proprio perché si è accelerato con le autorizzazioni. E poiché è difficile immaginare uno sviluppo del Sulcis Iglesiente senza utilizzare, a scopi turistici e produttivi, le aree dove si è svolta l’attività mineraria, e queste non possono essere bonificate senza autorizzazioni, è fondamentale mantenere in Sardegna i poteri e le competenze per gestire i procedimenti autorizzativi.

Francesco Sanna spiega i contenuti delle proposte e delle iniziative legislative dei democratici

 "L’incontro tra Governo, sindacato e autonomie territoriali il 13 novembre a Carbonia, per il Partito Democratico deve essere ad altissimo tasso di concretezza. Oltre al monitoraggio stretto delle vertenze in corso (ALCOA ed Eurallumina davanti a tutte, ed il bando di gara per il progetto carbone pulito a seguire), si deve cogliere questa occasione per capire con precisione come far funzionare il Piano Sulcis e come dotarlo di idee e risorse ( VIDEO presentazione emendamenti, Iglesias venerdì 9 novembre 2012)

Il commento di Francesco Sanna sull'incontro del Comitato per la Continuità territoriale al Ministero dei Trasporti

Abbiamo appreso con piacere che qualche giorno fa, al Ministero dei Trasporti si è tenuta una importante riunione sulla continuità territoriale marittima della Sardegna. Presieduta dal sottosegretario Improta, alla presenza dei dirigenti del Ministero, insieme ai vertici societari di Tirrenia, la società concessionaria del servizio pubblico di trasporto di persone e merci per la Sardegna. Dall’altra parte del tavolo, il Comitato per la Continuità territoriale della Sardegna.

Francesco Sanna illustra i contenuti degli emendamenti per la salvaguardia dell'autonomia regionale sarda ( sotto AUDIO intervento in Commissione)

“Anzitutto, chiediamo che non si tocchi l’articolo 116 della Costituzione – che riconosce le << forme e condizioni particolari di autonomia>> delle regioni speciali” dice Sanna. “Che esse debbano contribuire agli obiettivi finanziari che derivano dall’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea non ha bisogno di specificazioni in Costituzione. Su questo punto ho accolto con soddisfazione la precisazione del ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, che segue i lavori parlamentari. Filippo Patroni Griffi, in risposta ad un mio intervento, ha precisato che non è intenzione del Governo attribuire al nuovo testo la forza di modificare unilateralmente il regime pattizio".

Francesco Sanna spiega perchè è corretto riassegnare le zone franche urbane alla Sardegna

Le zone franche urbane sono un dispositivo che prevede sgravi fiscali alle micro e piccole imprese in porzioni di aree profondamente degradate. L’obiettivo dichiarato delle ZFU è la creazione di occupazione attraverso misure di fiscalità di vantaggio a discriminante territoriale, come intervento contro l’esclusione sociale, piuttosto che strumento per la promozione economica ( Nel VIDEO l'illustrazione degli emedamenti di Francesco Sanna- VIDEO 2 conclusioni. Sabato 27 ottobre 2012, Quartu S.E.).

L'opinione di Francesco Sanna sull'incontro a Cagliari col Presidente della Regione sarda.

Circa la richiesta di votare contro la modifica del Titolo quinto della Costituzione proposta dal Governo – che a causa dei tempi stretti da qui alla conclusione della legislatura è difficilissimo che trovi approdo -  penso che per difendere con successo in Parlamento la specialità regionale della Sardegna aiuterebbe molto che essa riconquisti, nella azione quotidiana di governo, la credibilità che oggi le manca. Siamo comunque impegnati, posto che il testo del disegno di legge costituzionale è stato reso noto da pochissimi giorni, a ragionarci insieme alla comunità sarda. E chiederemo che una rappresentanza dei consigli regionali sia sentita dal Senato in audizione, prima di iniziare qualsiasi discussione ( accedi alla sezione audiovideo del sito e ascolta l'audio degli interventi di Francesco Sanna).

La soddisfazione di Francesco Sanna che richiama le istituzioni al dovere di realizzare la riforma entro gennaio 2013

Nonostante siamo riusciti ad approvare i tre ddl con un iter velocissimo nella prima data utile - spiega Sanna - dobbiamo fare una vera corsa contro il tempo. Se tutto va bene, l'aula del Senato li approverà al più presto e Montecitorio potrà dire sì alle norme entro gennaio, prima cioè dello scioglimento delle Camere. In caso contrario, tutto si azzererebbe e il lavoro dovrebbe ricominciare con la nuova legislatura, un'ipotesi molto negativa, soprattutto per il Friuli che andrà al voto nel 2013 e che non avrebbe approvato in tempo il nuovo Statuto che, come nel caso di Sardegna e Sicilia, dispone la riduzione di circa un quarto degli attuali consiglieri

Francesco Sanna annuncia l'iniziativa del pd per correggere l'errore del provvedimento governativo

Ritengo molto positivo che nel decreto legge "Crescita" – in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale - il Governo Monti abbia resuscitato le Zone Franche Urbane, una misura sperimentale di fiscalità di vantaggio a favore delle piccole imprese che nei suoi ultimi rantoli il governo Berlusconi era riuscito ad affossare. Il finanziamento delle esenzioni totali dalle tasse e dalle imposte verrà finanziato con i fondi comunitari che le Regioni potranno riprogrammare e così evitare di perdere per incapacità di spesa.

I senatori democratici hanno presentato il Disegno di Legge a Palazzo Madama

Dopo poche ore dalla comunicazione ufficiale della Commissione Europea con la quale si autorizza l’Italia a prorogare il regime della cosiddetta super-interrompibilità elettrica, i senatori democratici della Sardegna Francesco Sanna, Antonello Cabras e Gianpiero Scanu, e il capogruppo Pd in Commissione Attività Produttive, Filippo Bubbico, hanno presentato a Palazzo Madama un disegno di legge che allunga l’efficacia del sistema attuale sino al 2015.

Francesco Sanna richiama tutti alla concretezza per la soluzione della vertenza della fabbrica di alluminio

La vertenza ALCOA è già complicata di suo, e le nuoce ogni provocazione inutile ed ogni reazione sproporzionata. Questo è il tempo dei nervi saldi e del massimo di professionalità nel gestire la tensione sociale. Chi può faccia gesti simbolici di pace, chi deve acceleri la soluzione concreta della vicenda, cioè la ripresa produttiva con altro imprenditore dello stabilimento.

La sollecitazione di Francesco Sanna per una riforma che può ridare autorevolezza alle istituzioni

C'è il rischio concreto - poiché le modifiche agli statuti speciali sono apportate con leggi costituzionali che necessitano della doppia lettura – che se la Camera dei Deputati non approva subito i testi dei tre disegni di legge, non se ne faccia niente per questa legislatura. E che degli effetti di queste riforme – sulle quali si è manifestata una ampia convergenza delle forze politiche – se ne riparli, sempre che vengano riproposte nella prossima legislatura, nel 2017 per la Sicilia, nel 2018 per il Friuli e addirittura nel 2019 per la Sardegna.

L'opinione di Francesco Sanna e nel video i contenuti degli interventi durante l'audizione in Senato del sottosegretario De Vincenti. 6/9/2012

Il governo può salvare la Carbosulcis e l'Alcoa se decide di non subire passivamente la delocalizzazione della produzione industriale, di carbone e di energia. A scapito non solo della Sardegna ma del Paese intero ( guarda il VIDEO dell'audizione -  fsanna dal minuto 74 al 94)

Il Ministro Passera si confronterà con i senatori della Commissione Attività produttive

L’incontro ministeriale ha avuto il merito di disseppellire le linee progettuali elaborate dalla Regione dalla misteriosa e sbagliata segretezza in cui erano avvolte dalla Regione medesima.  Poichè la Comunità nazionale – magistralmente rappresentata, ancora una volta, dall’intervento di Giorgio Napolitano - ha guardato con simpatia alla lotta per il lavoro degli operai sardi, questa solidarietà non deve essere sprecata.