iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Dura presa di posizione di Francesco Sanna contro il ritardo della Regione Sardegna nell'avvio dell'Area di esenzione per il Sulcis

Da un accesso agli atti del Ministero dello Sviluppo Economico emerge che la presidenza della Giunta regionale sarda sta rallentando l’iter della zona di esenzione fiscale del Sulcis. Una vera vergogna: per una volta che è lo Stato a dire: facciamo presto, la Regione rallenta. Spero non si rendano conto dei danni che questo ritardo può creare. Preferisco credere che ignorino le conseguenze delle loro azioni – cosa comunque grave - piuttosto che immaginare che vogliano infliggere a questo territorio una cinica punizione

Francesco Sanna informa della decisione assunta dal Dipartimento della Protezione civile, 8 agosto 2013

" Chi appicca il fuoco e distrugge natura, paesaggio, lavoro, investimenti e futuro, mi fa schifo". Con queste parole Francesco Sanna, deputato del PD, commenta in un post nella sua pagina di Facebook l'emergenza incendi che sta distruggendo boschi e macchia mediterranea dell'isola.

Accolto l'emendamento di Francesco Sanna che diventa l'art. 41 ( sotto in allegato il testo approvato), 17 luglio 2013

Ora si prevede che, ferme restando le cautele ambientali (analisi e test chimici e fisici sia sui materiali, sia sui luoghi di destinazione, valutazione delle acque sotterranee) i residui delle attività minerarie nei siti di interesse nazionale possano essere riutilizzati, nelle stesse aree, in tutte le attività di miglioramento ambientale, nelle bonifiche, nei riempimenti degli scavi minerari, nelle opere viarie.

Francesco Sanna annuncia il via libera per il bando alle imprese e sollecita la Regione sarda ad accelerare gli atti di competenza

La Corte dei Conti ha registrato il decreto attuativo della legge Crescita che rende possibile la fiscalità di vantaggio nei 23 comuni del Sulcis Iglesiente e nelle regioni del Mezzogiorno che hanno inteso riprogrammare parte dei loro fondi europei a questo scopo

Francesco Sanna ricorda l'impegno assunto con i ' braccialetti bianchi ' per l'iniziativa di Riparte il futuro ( 8 maggio 2013)

La riunione dei parlamentari che hanno aderito alla petizione "Riparte il Futuro", con i presidenti di Camera e Senato e don Luigi Ciotti, ha coinciso ieri con la costituzione degli uffici di presidenza delle commissioni. Nel dibattito è emersa la volontà convergente dei rappresentanti dei diversi gruppi di accelerare con la discussione e l'approvazione di una legge che introduca il reato di scambio elettorale politico mafioso, modificando l'articolo 416 ter del Codice Penale."

Francesco Sanna annuncia la fase attuativa dell'art. 37 della legge Sviluppo (221\2012). Iglesias 5 aprile 2013

 

Nella tarda serata di ieri il ministro dell’Economia e delle Finanze Vittorio Grilli ha firmato il decreto attuativo delle zone di esenzione fiscale nei 23 comuni del Sulcis Iglesiente, realizzandoo il concerto con il suo collega dello Sviluppo Economico Corrado Passera. Lo rende noto il deputato PD Francesco Sanna, autore della norma che rende possibile la misura d’aiuto alle piccole imprese del Sulcis, introdotta nella legge Crescita (la numero 221/2012).

Francesco Sanna esprime la sua soddisfazione per il via libera da parte del ministro Corrado Passera (22 marzo 2013)

 

Il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, ha firmato il decreto attuativo della zona di esenzione fiscale nel Sulcis Iglesiente. E' un passo in avanti fondamentale per l'attuazione della misura, contenuta nella legge 221/2012,  che abbiamo proposto per rafforzare le possibilità di nuovo sviluppo economico nei 23 comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias. Alla misura, infatti, sono interessate oltre settemila micro e piccole imprese.

Francesco Sanna assolvendo all'impegno assunto in campagna elettorale ha presentato alla Camera la proposta di legge

Ho aderito con convinzione alla campagna "Riparte il futuro" per contribuire a realizzare uno Stato più giusto e senza corruzione: uno dei motivi principali del blocco dello sviluppo civile ed economico del nostro Paese. Oggi ho depositato la proposta di legge alla Camera e insieme ai tanti "braccialetti bianchi" ci impegneremo perchè il provvedimento abbia un iter rapido nelle Aule parlamentari.

Il primo giorno della XVII legislatura Francesco Sanna presenta due proposte di legge alla Camera dei deputati

Due proposte di legge presentate il primo giorno della legislatura: indennizzare tutti gli specializzandi dell’area sanitaria per il  servizio pubblico che oggi rendono a costo zero; far decidere anche alla Corte Costituzionale i casi di ineleggibilità ed incompatibilità parlamentare. Le proposte in consultazione pubblica sulla rete per tutto il tempo del drafting parlamentare.

Francesco Sanna dopo averlo fatto su facebook ufficializza sul suo sito l'adesione alla campagna Riparte il futuro

La corruzione frena lo sviluppo, distorce il mercato, blocca il merito, il lavoro e l'impegno dei tanti imprenditori e cittadini onesti. Per questo, in continuità con gli sforzi fatti sin da 2006 per rendere trasparente la politica, i redditti e i patrimoni di chi lavora nelle Istituzioni, ho aderito alla campagna "Riparte il futuro" per proseguire il mio impegno contro la corruzione.

Francesco Sanna annucia i contenuti di un'interrogazione al Governo. 7 febbraio 2013

Programmare la chiusura di istituti penitenziari – come Iglesias e Macomer – di recente costruzione e ristrutturazione, appare un controsenso rispetto all’obiettivo di umanizzare la condizione carceraria, obiettivo di onore costituzionale del Paese, come ha ricordato ieri il Presidente della Repubblica ( VIDEO dell'intervento di Sanna al sit-in dei sindacati a Iglesias, 8. 2. 2013; TESTO dell'interrogazione al ministro di Grazia e Giustizia).

Francesco Sanna commenta il testo della legge che si accinge a discutere il Consiglio regionale della Sardegna

Nel testo di legge statutaria che il Consiglio Regionale si accinge a discutere trovo alcune bizzarrie su temi che ho affrontato per cinque anni in Parlamento. In particolare l’ineleggibilità a Presidente per attività di impresa che realizzi un fatturato superiore ai cinque milioni di euro. La Corte Costituzionale ha spiegato che i divieti di candidatura, per essere costituzionalmente legittimi, devono essere eccezione razionale e motivata e non la regola, e qui veramente non si capisce nemmeno quale sia la ratio della proposta.

Francesco Sanna ironizza sui compagni di viaggio del capolista della lista Monti

Vorrei suggerire a Mario Sechi – capolista di scelta Civica in Sardegna – la ragione del gelido imbarazzo provocato a Nuoro dalla sua intemerata contro la Regione che investe poco in ricerca e innovazione, appena l’1% del bilancio. Il fatto è che tra i neomontiani candidati alle elezioni politiche ci sono i consiglieri regionali che da quattro anni sostengono la Giunta a trazione PDL che governa la Sardegna.

Preoccupazione di Francesco Sanna per i ritardi della Giunta regionale nell'attivazione della fiscalità di vantaggio nelle 6 città sarde.

La sperimentazione delle Zone Franche Urbane nei 23 comuni della Provincia di Carbonia - Iglesias è molto più di una ipotesi progettuale.  Si tratta infatti di una legge dello Stato già vigente ( è la numero 221 del 2012) – che ha convertito il decreto legge Crescita – nella quale, approvando una mia proposta di modifica, il Parlamento ha introdotto un nuovo e originale contenuto del Piano Sulcis. La legge prevede un decreto attuativo del Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell’Economia, che spero veda la luce entro il mese prossimo.
Il commento di Francesco Sanna all'intervista dell'ex ministro del governo Berlusconi. 21 gennaio 2013

Il senatore Calderoli, in una intervista su Repubblica, afferma che lui e Tremonti, con Berlusconi capo del governo, erano pronti a chiudere l'accordo con la Regione Sardegna sulle entrate. Forse nel loro intimo saranno anche stati pronti. Ma la storia che abbiamo visto e' un'altra. E' fatta di tempo perso,  di procedure fantasiose e inutili, di ricorsi minacciati alla  Corte Costituzionale, e mai presentati per paura di disturbare il manovratore. E in definitiva di un patto violato

Il segretario provinciale del Pd Emanuele Cani vince le primarie dei parlamentari per il PD

Beh ragazzi, ho perso. Grazie a tutti quelli che mi hanno voluto dare una mano in queste primarie con grande passione e senza chiedere nulla in cambio, bastandogli la promessa di un impegno che sarebbe continuato e che ora proseguirà in altre forme.

Francesco Sanna rende disponibili alle imprese il modello zona franca dell'Aquila che sarà operativo nel 2013 anche per il Sulcis e per 9 città sarde

L’approvazione dei miei emendamenti al decreto legge “Crescita” ha istituito un sistema di fiscalità di vantaggio (la cosiddetta “Zona Franca Urbana”) in tutti i 23 comuni del Sulcis Iglesiente. Si tratta, in sostanza, di un sistema di esenzione dalle principali imposte e tasse a favore delle piccolissime e piccole imprese – cioè quelle sino a 50 dipendenti – per un totale massimo, nel tempo, di 200 mila euro.

Soddisfazione di Francesco Sanna per il provvediemnto varato dal Senato. 6 dicembre 2012

In Sardegna, rispetto al passato, oltre Cagliari, Quartu Sant’Elena ed Iglesias, città già individuate dal CIPE nel 2009, potranno attivare la zona franca urbana anche Sassari, Alghero, Olbia, Oristano, Selargius, Carbonia.

Soddisfazione di Francesco Sanna per il voto della Commissione Finanze di Palazzo Madama

Sono molto soddisfatto di questo risultato – ottenuto in un momento particolarmente difficile per le finanze dello Stato. Penso che queste ulteriori risorse diano notevoli polmoni finanziari al Piano Sulcis. Ora non dobbiamo attendere un giorno di più perché emergano e si raffinino le idee ed i progetti imprenditoriali capaci di trasformare la crisi del modello economico del Sulcis in una opportunità di diversificazione del nostro modello di sviluppo. Cerchiamo capitali coraggiosi e invitiamoli a cimentarsi nel Sulcis Iglesiente.

Il senatore democratico chiede al PDL di rivedere il pronunciamento contrario espresso in Commissione

La proposta, contenuta in una nuova stesura dell’articolo 34 del decreto, prevede che le somme restituite dalle imprese per effetto delle decisioni comunitarie non tornino alla Cassa Conguagli del settore elettrico, ma vengano reimmesse nel bilancio dello Stato e messe a disposizione del Governo per le politiche di sviluppo locali, come quelle indicate dal Piano Sulcis