iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
L'intervento di Francesco Sanna all'Assemblea nazionale dei democratici, Roma 14 luglio 2012 ( TESTO e VIDEO).

Noi abbiamo due errori da scansare, e ci vuole grande intelligenza e volontà per farlo.
Il primo: dare l’impressione con le nostre parole e, a volte, anche con le nostre facce, di avere le parole e le facce di quelli che credono di aver già vinto le elezioni. Non è così, non abbiamo ancora vinto. Dobbiamo evitare, fuori di qui, la spocchia, la presunzione e il credere che la storia sia già stata scritta. Alcuni l’hanno pensato, in passato, che la storia fosse già stata scritta, ma - poi- è stata scritta diversamente da come loro la volevano.

Il testo della nota che Francesco Sanna ha scritto per chiedere la modifica del regolamento del Senato e consentire la trasparenza degli atti

Francesco Sanna ha scritto al Presidente della Giunta per le Immunità e Autorizzazioni a procedere del Senato, Marco Follini. Il senatore democratico sostiene la necessità che venga modificato il regolamento di Palazzo Madama che impone la riservatezza per gli atti istruttori che compie la Giunta e sia garantità la pubblicità dei lavori già dalla riunione del 23 maggio 2012.

Non so se Martinazzoli chiedesse troppo a quella generazione di giovani Dc, che negli anni successivi avrebbe assunto ruoli importanti nella gestione

Voi avete espresso qui, con un applauso liberatorio al vostro nuovo delegato nazionale, quando ha chiarito che non vorrà più il Movimento giovanile strumentale o proiezione del partito dei vecchi… Io credo che questo è il vostro dovere. I giovani possono ascoltare i vecchi, se i vecchi non sono troppo noiosi. Ma devono parlare con i giovani… Abbiamo bisogno di antenne sensibili, di avanguardie, di portavoce non di messaggi ripetitivi, ma portavoce della esperienza che voi fate nei mondi giovanili altrimenti irraggiungibili dal partito

Il titolo del convegno PD che si svolgerà a Sant'Antioco

Il progetto Galsi, il gasdotto che dall'Algeria attraverserà la Sardegna e via isola D'Elba si collegherà al continente italiano ed europeo, divide l'opinione pubblica sarda. Per affrontare il tema, con le opportunità per lo sviluppo- sopratutto in tema di raffreddamento dei costi energetici per le imprese e i cittadini- ma anche con i rischi connessi all'impatto ambientale che l'opera avrà, il Pd ha convocato un convegno per giovedì 15 dicembre a Sant'Antioco (CI).

L'ironia di Francesco Sanna per la gaffe dei pidiellini che certificano il nulla per la Sardegna ad opera dell'ex esecutivo Berlusconi

La lettera aperta di una gran parte dei parlamentari  PDL sardi al neo Presidente del Consiglio consente di registrare una positiva svolta d’umore e il tono decisamente meno agitato rispetto ai bellicosi propositi della vigilia, dove si minacciava di non dare o di revocare la fiducia se il senatore Monti non avesse fatto così e cosà.

Francesco Sanna rende disponibile il testo del maxiemendamento sulla manovra economica del Governo in discussione al Senato (7 settembre 2011)

E alla fine il maxi emendamento è arrivato. Alle 19, ennesimo, voto di fiducia. Dirò un NO a Berlusconi ben scandito. Vedo che anche Beppe Pisanu su Repubblica di oggi dice che il Governo deve andare a casa. Spero che inizino a farglielo capire da stasera.

Francesco Sanna ha scritto al Presidente della Regione sarda, per richiedere l'anticipo della riunione convocata per lunedì 29 agosto 2011

Nella serata di oggi la Commissione Affari Costituzionali esprimerà il suo parere sul decreto legge. Molti interventi dei membri della Commissione hanno argomentato nel senso della incostituzionalità delle norme che incidono sull’ordinamento degli enti locali e delle regioni, in particolare di quelle ad ordinamento speciale come la Sardegna. Personalmente tra pochi minuti sosterrò la tesi che i rilievi siano espressi sotto forma di condizione al parere positivo di costituzionalità che la maggioranza sicuramente voterà. Valuti dunque Ella se conviene, ai fini del lavoro su emendamenti alla manovra, mantenere la convocazione a lunedì, ovvero anticiparla.

La lettera di F. Sanna a Libero, 16.7. 2011 ( sotto doc. I Comm. Senato, audio intervento Sanna, link video di FSanna su YouDem e file rass. stampa)

Alcuni quotidiani, due della famiglia Berlusconi (Libero e Il Giornale) e uno di sinistra (Il Fatto), ieri hanno pubblicato degli articoli sulla discussione in Senato della Manovra economia del Governo, in particolare sulla Riduzione dei Costi della Politica, che - oltre a diverse inesattezze- travisano totalmente la realtà e assimilano la posizione del PD a quella di PDL e LEGA.  Francesco Sanna ha scritto la nota che segue al quotidiano Libero. Sotto i Link all'audio dell'intervento in commissione del senatore Sanna e gli emendamenti del PD per la riduzione dei costi della politica. 

Il comunicato di Legambiente che esprime soddisfazione per questo importante pronunciamento dei giudici( sotto il testo della sentenza)

" Il bene paesaggistico, in quanto espressione qualificata del patrimonio culturale, viene dichiarato tale o per la particolare connotazione naturalistica, o come particolare testimonianza della storia umana”. Dunque nessun errore da parte della Regione nel 2006 nell’aver valutato l’area di Tuvixeddu anche dal punto di vista paesaggistico, considerando “l’interrelazione tra l’ambiente naturale e l’inserzione stratificata dell’apporto della storia umana, nel ripartire l’area in ambiti omogenei”.

Natale 2010, Capodanno 2011, Epifania 2011

AUGURI!

Francesco Boccia critica la politica degli annunci del Governo, 27 novembre 2010 ( in allegato il file col testo base del provvedimento).

Il programma di Fitto su banda larga, Tav Napoli Bari, i porti, la Salerno-Reggio Calabria, Catania-Palermo e finalmente il ripristino del credito d'imposta ripercorre esattamente la Risoluzione del Pd al Dpef 2009 respinta da Tremonti in Parlamento. Dopo due anni e mezzo il governo torna sui propri passi. E potremmo dire che cambiare idea è segno di intelligenza, ma in questo caso servono certezze: i soldi.

Saluto di Francesco Sanna al convegno di sabato 6 novembre a Iglesias

Penso che occorra che tutte le comunità sarde reagiscano  alle intimidazioni verso gli amministratori locali.La presenza dei sindaci di Ottana ed Illorai come testimoni di un’altissima prova di civismo nel resistere alla violenza  rimanendo nelle proprie responsabilità danno l’opportunità anche ad  Iglesias di manifestare loro affetto e solidarietà.

Il Presidente della Repubblica ha scritto ai Presidenti Schifani e Fini e al presidente della Comm. Aff.ri Cost. in senato, Carlo Vizzini

Ritengo di dover esprimere profonde perplessità sulla conferma da parte della Commissione della scelta d'innovare la normativa vigente prevedendo che la sospensione dei processi penali riguardi anche il Presidente della Repubblica. Questa previsione non era del resto contenuta nella legge Alfano da me promulgata il 23 luglio 2008.

Francesco Sanna ha scritto ai senatori. Sotto il testo della lettera gli articoli e i documenti della querelle

Travaglio invita a rendere più semplice e chiara la nostra comunicazione. Accetto la critica, è un dovere che ci incombe. Ma non dovrebbe essere un compito anche e soprattutto del sistema dell’informazione, prima di criticare una posizione politica, ricostruirla correttamente e magari riconoscere un’influenza della dialettica parlamentare ?

La lettera di Francesco Sanna, in risposta all'articolo di Marco Travaglio, pubblicata oggi da Il Fatto Quotidiano

Dice Travaglio: la logica della riduzione del danno con proposte alternative è pericolosa, perché si dà per scontato che il danno si produca. Sarebbe vero se fossimo rimasti a contemplare, anche indignati, la bocciatura dei nostri due emendamentini. Invece, insieme alle altre opposizioni, i NO sono diventati centotrentanove. Centotrentanove modifiche e aggiunte presentate, compresi i tre emendamenti soppressivi, la cui illustrazione e discussione ci hanno consentito, sino ad ora, di evitare questo danno alla nostra Costituzione. Ci siamo scelti il campo di battaglia, siamo ricorsi alla guerriglia, perché in un altro scenario i cattivi vincevano.

Il convegno promosso da 360 Sardegna. Sotto il contributo Video di Francesco Sanna e lo speciale sul libro

L’Italia e il rischio-Grecia, la svalutazione dell’euro e le difficoltà politiche dell’Unione, gli allargamenti e il G20. Di questi e altri temi legati alla crisi del processo di integrazione comunitaria hanno discusso Enrico Letta e Lucio Caracciolo nel volume L’Europa è finita?, in libreria per Add Editore (Video).  Un dia­logo serrato sui successi e gli errori del passato e sul percorso verso una vera Europa politica. L'Associazione 360 Sardegna ha promosso, giovedì 30 settembre a Cagliari, un confronto tra E.Letta, R. Soru e Fr. Sanna, in collegamento Video ( 1 e 2) introdotti da M.Meloni e GM. Demuro, per legare questi temi all'attualità politica in Sardegna.

La denuncia di Gian Paolo Marras al ministro dell'Interno che non è andato nel nuorese ad incontrare gli amministratori

Onorevole Ministro, le scrivo come cittadino costretto a dismettere il mandato conferitogli democraticamente nelle elezioni di maggio a seguito di gravi attentati alla incolumità della mia famiglia.

L'appuntamento annuale con la tre giorni di formazione dell'Associazione 360

Dopo il buon esito della prima edizione, nel 2008, e il successo di Nord Camp dello scorso giugno, TrecentoSessanta torna a discutere di unità nazionale, rapporto tra i diversi territori del Paese, federalismo, sviluppo e mancato sviluppo con una manifestazione che vuole affrontare il tema del Mezzogiorno finalmente senza tabù e senza alibi.

Convegni, feste, teatro e musica nello scenario del Bastione San Remy dal 10 al 19 settembre 2010

Cagliari ospita nel Bastione San Remy la Festa Democratica Nazionale degli Enti Locali. Dal 10 al 19 settembre, nel suggestivo scenario del monumento al centro della città che si affaccia sul golfo e che delimita la città vecchia del capoluogo regionale, si alterneranno dibattiti, eventi musicali e culturali con prestigiosi protagonisti della vita pubblica e di quella artistica nazionale ( leggi tutto il programma).

Aperta a Drò la VI edizione del seminario di studi che riunisce varie personalità politiche, imprenditoriali, culturali, senza steccati

La scommessa di veDrò è, da sempre, pensare l’Italia al futuro, scegliere temi e offrire risposte analizzando gli argomenti in chiave prospettica, da qui a dieci anni. Ed è così che nasce la sesta edizione di veDrò. veDrò 2010 coglie una sfida ambiziosa, coinvolge i suoi partecipanti, tutti protagonisti, nel disegnare insieme il perfetto profilo del leader 2020 (il sito di veDrò). Sotto scarica il file col programma completo e i contenuti.