iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Bando per le esenzioni fiscali: la Regione risponda al Ministero per il via libera
La lettera di Francesco Sanna al Presidente della Giunta regionale, 27 luglio 2013

On. Ugo CAPPELLACCI

Presidente della Regione Autonoma

della Sardegna

Viale Trento

CAGLIARI

Roma, 27 luglio 2013

 Oggetto: decisioni della Regione in ordine alla Zona di esenzione fiscale istituita dalla legge “Crescita” (L. 221/2012.)

 Signor Presidente,

il 16 luglio scorso, undici giorni fa, il Ministero dello Sviluppo Economico ha richiesto alla Regione Sardegna se intendesse proporre eventuali riserve finanziarie ( a valere su fondi statali) a favore di determinate categorie di piccole imprese partecipanti al bando per le zone di esenzione fiscale istituite dall’articolo 37 del decreto legge 179/2012, convertito in legge 17 dicembre 2012, numero 221. A ieri mattina ho verificato che nessuna risposta è ancora pervenuta da Cagliari.

Senza una comunicazione della Regione che indichi le sue scelte (determinare le riserve finanziarie, ovvero non introdurle affatto) il bando per la fiscalità di vantaggio è bloccato e si ritardano i tempi in cui le imprese potranno godere degli aiuti stabiliti dalla legge.

Le ricordo che il Consiglio Provinciale di Carbonia Iglesias, ha deliberato una proposta di riserve e premialità nelle zone di esenzione fiscale che è da mesi in possesso della amministrazione regionale. E della necessità che la Regione si trovasse pronta ad adempiere tempestivamente alla propria prerogativa si è detto in ogni incontro della concertazione istituzionale e sociale del Piano Sulcis.

Le chiedo dunque di rompere ogni indugio e trasmettere la decisione di competenza regionale, qualunque essa sia, in modo da consentire l’indizione del bando.

 La saluto cordialmente.

Francesco Sanna

invia un commento | vai all'archivio »
 
 
Psicologo Sulcitano, lunedý 29 luglio 2013
Buongiorno Onorevole, mi sembra di capire che della ZFU usufruiranno solo i soggetti iscritti in Camera di Commercio, quindi non ne usufruiranno i liberi professionisti, nemmeno in forma associata, in quanto non iscritti. Dovremo costituire delle cooperative al fine di avere le agevolazioni? Grazie.