iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
La mia proposta politica al PD e ai sardi
Il programma alla base della proposta politica di Francesco Sanna candidato alla guida del PD sardo

I Sardi che vivono e amano la Sardegna, nelle città e nei paesi, chiedono buona politica e buone politiche.

Credo che il Partito Democratico Sardo della comunità e delle comunità abbia il dovere di essere uno strumento aperto e disponibile all'ascolto e poi capace di decidere. Credo che il Partito Democratico abbia le risorse, messe in rete e di nuovo in pace e in movimento, per trasformare sogni e bisogni di questa Sardegna migliore, in una realtà concreta.
 
Il Congresso, con una discussione aperta e la passione che sapremo metterci, deve essere l’occasione per ricreare le condizioni di ottimismo e orgoglio nell'essere e sentirsi democratici sardi, giusti e meritevoli eredi delle grandi forze storiche, politiche e culturali da cui il PD ha preso origine.
Abbiamo bisogno di unità. Ma non penso che l'unità buona per il Partito Democratico sia l'unanimismo senza attenzione ai contenuti delle proposte. Sarebbe sbagliato l'accordo tra gruppi dirigenti che trascuri iscritti ed elettori. L'unità vera la facciamo ascoltando le ragioni di tutti: nella sintesi, ma nella chiarezza sugli intendimenti.
 
Serve a noi democratici e serve alla Sardegna. Dobbiamo ricreare le condizioni per essa di capirci, per noi democratici di spiegarci: con molta umiltà da parte nostra.
 
Iniziamo a chiedere scusa per essere apparsi quelli sempre pronti e attivi nella discussione sui "posti" nelle istituzioni e negli enti della Regione. In ritardo, distratti o assenti su questioni importanti. Con alcuni di noi in ruoli di responsabilità, anche se inadeguati a svolgere quei compiti. Con altri più bravi altre volte lasciati ai margini, perché non accasati nella corrente giusta.
 
C'è stato un momento - il referendum costituzionale - nel quale ci siamo accorti che al di là delle cose che proponevamo, giocava contro di noi una antipatia, dura,  cristallizzata;  che impediva sia l'ascolto delle nostre ragioni, sia qualsiasi dialogo:  che si faceva pregiudizio.
 
Impariamo dagli errori. Oggi sappiamo che le soluzioni devono passare per una nuova "connessione sentimentale" con il popolo sardo. Al quale ci rivolgiamo, consapevoli del fatto che da soli non andiamo da nessuna parte. "Non aspettarti alcuna risposta oltre la tua", per dirla con la poesia di Brecht. Le domande di oggi sono più complicate di quelle del passato.  E soprattutto le risposte nuove pretendono una politica competente, che studi, che abbia la consapevolezza storica del tempo in cui vive, che prenda posizione sugli interessi in gioco, che comprenda  la paura degli esclusi dalla globalizzazione  e non ne banalizzi l'esito politico riducendola a "populismo". Una politica capace, cioè, di combattere le diseguaglianze sociali, i rischi della globalizzazione senza regole, che metta al centro della sua azione il valore della persona e il suo diritto di avere opportunità e strumenti per realizzare la piena cittadinanza.
 
Con la consapevolezza dei miei limiti ma sapendo che tante risposte individuali, tante volontà passioni e intelligenze che vedo disponibili costruiscono l'intellettuale collettivo e la risposta comunitaria e riformista che oggi deve riprovare ad essere il Partito Democratico della Sardegna, propongo la mia candidatura a segretario.
 
Rivolgo l'invito a fare questo confronto, anche a coloro che per tanti e diversi motivi hanno lasciato militanza, adesione e voto al PD, a volte rinunciando ad esercitare i propri diritti di elettori. Chiedo loro di tornare a riprovarci insieme. Le loro idee e quelle di chi vorrà contribuire alla vita del Partito Democratico Sardo arricchiranno questo programma sino al voto del 19 marzo. 
 
invia un commento | vai all'archivio »
 
documenti
La mia proposta programmatica per il PD della Sardegna formato: .pdf 79 KB preleva »

Il programma di Francesco Sanna per il congresso regionale del PD della Sardegna