iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
SolidarietÓ alla sindaca di Pula Carla Medau
Francesco Sanna condanna la grave intimidazione subita dalla prima cittadina
"Ho parlato con Carla Medau, sindaca di Pula, dopo l'intimidazione vigliacca che ha subito nei giorni scorsi. A lei - e per suo tramite alla comunità di Pula - ho manifestato tutta la solidarietà che il caso merita e voglio che questo avvenga pubblicamente.
 
Cosa dobbiamo fare, in questo ed in tanti altri casi in cui la violenza contro gli amministratori si manifesta ? Intanto non lasciarli soli. Facendo capire alla zona grigia che rende possibile questi atti - qualcuno che sa, qualcuno che vede e non dice - che la minaccia e l'intimidazione non appartengono al gioco democratico, e chi le usa è fuori dalla comunità.
 
Quando da questo orecchio non si sente, la democrazia deve difendersi, con la forza della legge.
Qualche mese fa abbiamo approvato disposizioni (ho contribuito alla loro scrittura) che chiariscono molto bene che la violenza ad un amministratore locale o la distruzione dei suoi beni non è solo una offesa alla sua persona o al suo patrimonio. E' un attacco al funzionamento delle istituzioni democratiche di cui essi sono gli ingranaggi umani necessari.
 
Per l'inasprimento delle pene (da uno a sette anni di carcere), è possibile l'utilizzo di tutti gli strumenti di indagine nei confronti degli indagati (comprese le intercettazioni telefoniche ed ambientali) ed è obbligatorio l'arresto in flagranza.
 
E' necessario che in Sardegna - la regione dove il fenomeno delle intimidazioni è proporzionalmente il più elevato d'Italia - magistratura e forze dell'ordine diano la prova che questa violenza non è consegnata all'impunità ed alla rassegnazione."
 
Così Francesco Sanna, parlamentare del Partito Democratico, sul suo profilo Facebook.
 
Cagliari, 7 dicembre 2017
invia un commento | vai all'archivio »