iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
La Notizia data dal ministero per gli Affari regionali Ŕ stata ripresa dai quotidiani sardi

La Commissione Paritetica Stato- Regione Sardegna, convocata dal Ministro Maria Carmela Lanzetta, alla Presenza dell'Assessore alle Riforme della RAS Gian Mario Demuro, ha nominato il proprio Presidente: è Francesco Sanna, avvocato 49enne, deputato sardo del PD, componente della Commissione Affari Costituzionali della Camera. Ecco alcuni articoli sull'argomento: L'Unione Sarda (19 novembre 2014): Sanna custode dello Statuto; Ministero degli Affari Regionali (18 novembre 2014): insediata la commissione paritetica, Francesco Sanna eletto Presidente; Sardiniapost (18 novembre 2014): insediata la Commissione Paritetica della Sardegna: Sanna Presidente.

Nella riunione di insediamento presieduta dal ministro Lanzetta il parlamentare sardo eletto alla massima carica.

La Paritetica ha eletto il proprio presidente: il parlamentare democratico Francesco Sanna, componente della Commissione Affari Costituzionali della Camera dei deputati e della Bicamerale Regioni.

Intervento nell'Aula della Camera nella discussione generale proposte di legge unificate sul conflitto di interessi. Roma 20 ottobre 2014, h.18:16

C’è un obbligo di trasparenza patrimoniale, il render nota, il rendere pubblica la condizione patrimoniale degli uomini di Governo. Perché uno alla fine deve semplicemente dire quanto è ricco quando entra in politica e come ne esce quando finisce il suo mandato. Vogliamo i criteri più stringenti e precisi per questa costruzione dell'anagrafe patrimoniale ( video dell'intervento).

Francesco Sanna si rammarica per la decisione del Senato e confida nelle modifiche alla Camera del provvedimento legislativo

Nel voto negativo del Senato sulla partecipazione dei parlamentari europei alla elezione del Presidente della Repubblica si è persa l'occasione di rimediare ad un problema che dura da venti anni: come mantenere il profilo di garanzia ad organi eletti da un Parlamento scelto con sistemi elettorali maggioritari.

Francesco Sanna chiarisce la portata dell'accordo tra la Regione Sarda e il ministro delle Finanze

A chi si scaglia contro l'accordo immaginando un mondo di sfondamenti di bilancio a gogò, a danno delle generazioni future, va detto che questo mondo non esiste più da un pezzo, ed è giusto che sia così:ovviamente ora si tratta di non scialare, e di valorizzare ai fini dello sviluppo ogni euro di spesa pubblica resa possibile dall'accordo Padoan/Pigliaru.