iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
L'articolo pubblicato su Il Fatto Quotidiano del 22 ottobre 2011

 

Gasparri e Quagliariello, si sono presentati in aula dicendo che c'è urgenza di approvare il loro disegno di legge, una riforma costituzionale che modifica ben 26 articoli della nostra Carta e che quindi il taglio dei parlamentari va inserito lì. Missione praticamente impossibile, sia considerando i tempi stretti della legislatura sia perchè è difficile che maggioranza e opposizione trovino un accordo su tutti quei punti. " E' un meccanismo gattopardesco- dice il Pd Francesco Sanna- Significa ricominciare tutto daccapo. Al 90° minuto hanno deciso di lanciare la palla fuori e di giocare un altro torneo".

La soddisfazione di Francesco Sanna che ricorda le battaglie del PD per il riconoscimento del principio sancito dalla Corte Costituzionale

Credo sia opportuno, per il Parlamento, riesaminare tutte le sue decisioni su casi simili alla luce dell’ineccepibile principio che il prestigio dell’attività di deputati e senatori pretenda che non si svolga contemporaneamente un mandato, egualmente impegnativo, alla guida di importanti amministrazioni locali. Prima lo si fa, anche su sollecitazione degli interessati, meglio è per la credibilità di Senato e Camera

Francesco Sanna critica l'atteggiamento gattopardesco della maggioranza di governo sul provvedimento di riduzione dei parlamentari. 19 ottobre 2011

"Al novantesimo minuto della partita sulla riduzione dei parlamentari, Pdl e Lega chiedono, in Commissione Affari Costituzionali del Senato, di fermare il gioco ed iniziare un nuovo torneo". Così il senatore del Pd Francesco Sanna commenta la "proposta del centrodestra di riunificare il Ddl del Governo e quello sulla riduzione del numero dei parlamentari avanzata in Commissione Affari Istituzionali"

Il lavoro di consultazione ha portato a diverse modifiche che sono elencate e allegate nei documenti sotto

Il disegno di legge costituzionale che modifica la composizione del Consiglio Regionale della Sardegna e introduce nuovi principi che dovranno essere raccolti da una nuova disciplina elettorale (immodificabilità del numero dei consiglieri e misure per la parità di genere come contenuto obbligatorio; riserva di rappresentanza per le aree spopolate come facoltà per il legislatore regionale) ha superato il drafting legislativo, cioè la revisione testuale degli uffici del Senato.

Discussione aperta sul Ddl presentato a mia firma in Senato

Proviamo a partire dal tema più semplice e complicato allo stesso tempo, quello che attiene la composizione del Consiglio Regionale. Non si tratta solo di cambiare un numero, ma di rilanciare un’idea attuale di rappresentanza politica della più importante assemblea politica e legislativa della Sardegna.