iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, Corriere Della Sera, 18 luglio 2011

Come possono imporre «subito» i ticket sanitari fino a 45,5 euro a operai e impiegati rinviando a «domani» (quando?) l'inasprimento del costo a carico dei parlamentari dell'assistenza sanitaria integrativa? Come possono imporre «subito» un taglio alla rivalutazione delle pensioni oltre i 1.400 euro rinviando a «domani» (quando?) quello dei vitalizi loro, che nel 2009 hanno pesato per 198 milioni di euro e pochi mesi fa sono stati salvati con voto plebiscitario dalla proposta che voleva trasformarli in pensioni «normali» soggette alle regole comuni?

Il resoconto sommario ( a cura del Senato) e la trascrizione dell'audio ( a cura del sito) dell'intervento del sen. Francesco Sanna, 12 luglio 2011

Il senatore SANNA (PD) si sofferma in primo luogo sul Titolo I del decreto-legge, relativo alla riduzione dei costi della politica e degli apparati, evidenziando la necessita` di procedere in modo ancora piu` esteso, profondo e tempestivo, allo scopo di rassicurare i cittadini, ai quali si richiedono rinunce e restrizioni a causa della crisi economica e finanziaria, che la classe politica e` pronta a dare l’esempio, accettando per prima di subire i necessari contenimenti della spesa.

Francesco sanna commenta l'audizione in Senato del Prof. Passigli sul referendum contro il Porcellum ( 6.7. 2011). Sotto il link con la riforma Sanna

"Mi sembra difficile che si possa rimediare ai danni inferti all'autorevolezza del Parlamento da due legislature di 'Porcellum' virando su un sistema elettorale in cui il cittadino non saprebbe per quale maggioranza di governo sta votando". Lo afferma il senatore del Pd Francesco Sanna, commentando l'audizione del Professor Stefano Passigli in Commissione Affari costituzionali ( riforma elettorale Sanna clicca il link).

Il testo stenografico e il video ( con Real Player) del discorso di Francesco Sanna nella seduta pomeridiana del 28 giugno 2011

Credo che, più che parlare di questo merito (un brutto merito e una brutta pagina di dissipazione di energie), occorra fare un riferimento a quello che ci viene chiesto circa i cosiddetti costi della politica. Chi è che paga nell'opinione pubblica il costo di un anno e mezzo di lavoro del Parlamento, dei singoli parlamentari, delle Commissioni, dell'Aula, dei funzionari, degli uffici legislativi, di stampe di documenti, di audizioni, di elaborazioni concertate dei vari Ministeri? Chi è che paga questo costo della politica che oggi, con un tratto di penna e di volontà del Governo e della maggioranza, viene totalmente cancellato? (video con Real Player)

L'intervento di Francesco Sanna nella seduta di mercoledý 15 giugno 2011 ( video con Real Player)

Il prestigio del Parlamento, come noi sappiamo, si compone di molte virtù. Alcune attengono al fatto che noi siamo capaci di fare buone leggi. Questa è una delle virtù del Parlamento e noi ultimamente ne abbiamo fatte poche. Però il prestigio del Parlamento è misurato anche sulla onorabilità di chi lo compone. Ed è vero che tutti i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, come ci raccomanda la nostra Costituzione, ma è del tutto evidente che al Parlamento ed ai suoi membri questa consegna è affidata con una maggiore e più rigorosa pretesa ( video con Real Player).