iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Francesco Sanna su La Nuova Sardegna, del 30 luglio 2010, spiega la posizione dei democratici sulla riforma universitaria in discussione in Parlamento

Il PD ha sempre legato la proposta di pensionamento dei docenti al superamento del blocco del turn-over; un blocco che tuttora mette a rischio la didattica della maggior parte degli atenei italiani, e che, come osserva giustamente Mazzette, rientra nella logica di un progetto di riforma, quello del centrodestra, che sembra avere come obiettivo primario “quello di fare cassa”.

Un'esternazione-gaffe del presidente Pdl, Commissione Giustizia del senato, richiama l'attenzione dei media

Ex malo bonum: anche se con interpretazioni erronee, causate da un'esternazione sbagliata del Presidente Berselli, il lodo Alfano costituzionale ha finalmente guadagnato le prime pagine dei giornali. Ora ci si accorge che di tutte le mirabolanti riforme promesse,  dal bicameralismo al Premierato all'inutile riforma dell'articolo 41, alla fine verremo chiamati a un referendum solo sulla sospensione dei processi al Presidente del Consiglio e ai ministri

Apri il link e nella sezione audiovideo potrai ascoltare l'intervento di Francesco Sanna nella discussione generale sul provvedimento tenutasi il 23 giugno scorso. 

Francesco Sanna racconta in diretta facebook, 30.06.2010, i momenti più significativi del lavoro nelle Commissioni Giustizia e Aff. Costituzionali

Alle 9 in Commissione Giustizia, che deve esprimere il parere sul Lodo Alfano costituzionalizzato. Intervengo contro i contenuti della legge. Nel dibattito emerge che la stessa maggioranza di centrodestra non capisce se chi propone la legge vuole la sospensione dei processi o addirittura bloccare tutto alla richiesta di rinvio a giudizio. Ora in Commissione Affari Costituzionali, presentazione degli emendamenti ( Audio 1 Comm Giustizia; Audio 2 Comm. Aff. Costituzionali).

La presidente dei senatori PD chiede maggiore pubblicità ai lavori della Commissione Affari Costituzionali

Alla importanza politica e al rilievo istituzionale del tema in discussione non corrisponde il regime di pubblicità dei lavori in Commissione. Discussione e audizioni sono state riportate sinora negli atti del Senato nella forma sintetica ordinaria, che anche nella versione più accurata non risponde senza dubbio alla esigenza, che il tema pone, di avere la massima completezza di informazione politica, e potere in futuro ricostruire la volontà del legislatore costituzionale.

L'intervento di Francesco Sanna del 23 giugno 2010 . A fine pagina il testo degli emendamenti del Gruppo PD e la relazione del Pres. Vizzini

La soluzione normativa prospettata appare priva degli equilibri necessari, in quanto attribuisce ai membri del Governo una tutela più intensa rispetto a quella riservata ai parlamentari. L'introduzione della possibilità di sospendere i processi per i reati extra funzionali appare peraltro ancor più inopportuna, ove si consideri che, anche per i reati funzionali, l'interpretazione estensiva del combinato disposto dell'articolo 96 della Costituzione e della legge costituzionale n. 1 del 1989 ha determinato un ampliamento oltremodo significativo dell'ambito di tutela dei titolari di incarichi di Governo, anche in ipotesi per le quali tali garanzia dovrebbe essere esclusa (testi stenografico integrale e sommario).