iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
L'intervento del Presidente del consiglio, nella seduta alla Camera dell'11 aprile 2016

Quello che io voglio dirvi con umiltà e rispetto è che finalmente, dopo molti anni, la classe politica dà una lezione di serietà e di civiltà. L’avete fatto voi, nessuno ci avrebbe scommesso in quell’aprile del 2013; io, a nome del Governo, non posso che darvene atto.

L'intervento di Francesco Sanna, a nome del Gruppo PD, a conclusione del dibattito sulle riforme costituzionali, Roma 11 aprile 2016

Possiamo dire che le leggi di iniziativa popolare si arricchiscono di un nuovo sistema di proposta e di indirizzo, il referendum appunto, di indirizzo e propositivo, ma anche le leggi di iniziativa popolare, che hanno la possibilità, non solo di essere proposte ma di essere approvate entro termini certi. Tutte queste cose le abbiamo rese possibili noi, le ha rese possibili la nostra discussione, le ha rese possibili il nostro confronto. Lo diremo agli italiani, lo diremo nelle prossime ore con il nostro voto: non c’è nulla di cui vergognarci, c’è tanto di cui essere orgogliosi ( VIDEO)

Francesco Sanna intervistato da Public Politicy ( agenzia di stampa politica e parlamentare), 4 aprile 2016

Se adesso il partner di una ministra non vuole procedere alle dichiarazioni tutto finisce lì; con questa legge l'Antitrust può procedere d'ufficio. Dunque se la proposta di legge fosse già entrata in vigore nessuno nel caso della Guidi, o di qualsiasi altro membro del governo, sarebbe caduto dalle nuvole.

La nota stampa di Francesco Sanna ripresa dal giornale online Mainfatti.it ( 26 febbraio 2016)

" Il nostro Paese aveva davvero bisogno di una norma innovativa, come quella appena approvata, capace di tutelare le istituzioni dall'eventuale inquinamento prodotto dai conflitti d'interesse patrimoniali di persone che ricoprono importanti cariche di governo ed elettive" afferma in una nota Francesco Sanna, deputato del PD e relatore della legge.

Il deputato del Pd e relatore Francesco Sanna parla del provvedimento che regola il rapporto tra interesse pubblico e privato

I destinatari del provvedimento sono tutti i membri del governo – il presidente del Consiglio, i ministri, i viceministri e i sottosegretari – ma anche i presidenti di Regione e delle Province autonome e componenti delle rispettive Giunte. Inoltre saranno coinvolti tutti i membri delle autorità indipendenti. A questi soggetti si applicherà la legge con tutti i sistemi che abbiamo utilizzato per rendere effettivo il controllo sul conflitto di interessi, dall’astensione all’obbligo di vendita fino a una sorta di trust fiduciario all’italiana ( da L'Unità, 25\2\2016).