iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
L'Intervento di Francesco Sanna al convegno dell'Associazione Ex parlamentari, Cagliari, sede Fondazione Banco di Sardegna, 18 aprile 2015.

Questo è il contesto in cui operiamo. Potrei dire che siamo di fronte a quello che veniva definito 25\30 anni fa il paradosso di Zagrebelsky: " Vogliamo le riforme perché non si riesce più a decidere ma la riforma della Costituzione è essa stessa la massima decisione ipotizzabile, e quanto maggiore si manifesta la disgregazione tanto maggiore è la necessità della riforma, ma tanto più questa è necessaria tanto più è difficile".

Soddisfazione del deputato dem Francesco Sanna che presiede la Commissione paritetica

Alla Regione sarà trasferito l’esercizio delle funzioni amministrative connesse all’attuazione delle disposizioni previste dagli articoli 9 e 15 della legge n. 482/1999, che stabiliscono il chi fa e che cosa a tutela delle minoranze linguistiche nel nostro Paese. Il legislatore regionale potrà dunque organizzare come meglio ritiene l'esercizio di queste sue nuove competenze, godendo la Regione, nell'ambito del Bilancio dello Stato, di uno specifico stanziamento, distinto da quello indirizzato alla tutela delle altre minoranze linguistiche nazionali.

I tre interventi di Francesco Sanna nel dibattito dell'Aula della Camera del 13 febbraio 2015

Francesco Sanna nella seduta della Camera dell'11 febbraio 2015 che si è protratta, con sedute notturne, fino alle prime ore della giornata di sabato 14 febbraio ha svolto tre interventi per precisare alcuni aspetti contenuti nella riforma costituzionale in discussione. Oltre al testo degli interventi è possibile guardare i tre video che riprendono la posizione espressa in Aula dal deputato sardo del PD.

Francesco Sanna ha svolto due interventi in Aula nella discussione e votazione degli emendamenti ( 26 gennaio 2015)

Pongo un tema che sarà un tema di sfida per il prosieguo dei lavori di questa legislatura dopo l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica e dopo la chiusura del ciclo delle riforme costituzionali e cioè il tema che l'aggancio di questa figura e il suo modo di elezione alla mutata forma dello Stato italiano in rapporto con la Unione europea prevede, deve prevedere, a mio avviso, l'allargamento della platea ai parlamentari europei.

I testi dell'Agi, Dire, Press Italia, sugli interventi in Aula del deputato dem Francesco Sanna

Il parlamentare del Pd, che appartiene all'area riformista "Carta 22", si e' soffermato sulla nuova composizione del Senato e ha ricostruito nel suo intervento le ragioni politiche e le analogie con altri sistemi bicamerali, sostenendo che le forze politiche potranno eleggere i Presidenti delle Regioni nelle delegazioni consiliari.