iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Francesco Sanna chiarisce i termini dell'interrogazione presentata alla Camera dai deputati PD

Solo alla luce di quanto il Governo ci verrà a dire, potremo farci una ragione di un ridimensionamento del servizio che colpisce tutto il sistema della mobilità di persone e cose di mezza Sardegna, influenzando e stressando anche il sistema di trasporto viario e mettendo nel dimenticatoio ogni prospettiva di sviluppo di un modello mediterraneo di autostrade del mare che coinvolga l'Isola.

Il testo dell'interrogazione urgente depositata dai parlamentari PD, primo firmatario Francesco Sanna, 31 luglio 2014

Quale incidenza abbiano, sul totale delle miglia marine percorse dalla flotta Tirrenia - Compagnia Italiana di Navigazione, le percorrenze che si registrano sulle rotte da e per la Sardegna nell'ultimo anno;quale incidenza abbiano nell'ultimo anno, sul totale della forza lavoro Tirrenia - Compagnia Italiana di Navigazione - i dipendenti della società residenti in Sardegna.

Francesco Sanna intervistato di Alberto Urgu, Radiolina 30 luglio 2014

All'indomani della notizia della richiesta di Nuova Tirrenia allo Stato per la rivisitazione della convenzione di servizio pubblico, Francesco Sanna fa il punto sullo stato dei trasporti via mare da e per la Sardegna, paventando i rischi di dequalificazione del porto di Cagliari e della riduzione dei servizi marittimi per tutto il centro-sud Sardegna.

La presa di posizione di Francesco Sanna rispetto alla proposta della compagnia di navigazione allo Stato.

Raccomando caldamente al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e a quello dell'Economia, prima di avallare qualsiasi accordo per la ridefinizione della convenzione tra lo Stato e Tirrenia (che vale 72,5 milioni di fondi pubblici all'anno) di spiegarne bene i termini in Parlamento, perché dalle anticipazioni che emergono dalla Giunta regionale sarda, il ridimensionamento del servizio pubblico che ne deriva penalizzerà mezza Sardegna

Francesco Sanna chiarisce la portata dell'accordo tra la Regione Sarda e il ministro delle Finanze

A chi si scaglia contro l'accordo immaginando un mondo di sfondamenti di bilancio a gogò, a danno delle generazioni future, va detto che questo mondo non esiste più da un pezzo, ed è giusto che sia così:ovviamente ora si tratta di non scialare, e di valorizzare ai fini dello sviluppo ogni euro di spesa pubblica resa possibile dall'accordo Padoan/Pigliaru.

Il deputato PD sostituisce Umberto Del Basso De Caro, sottosegretario alle Infrastrutture del Governo Renzi

Il deputato del Pd Francesco Sanna è stato chiamato a far parte della Commissione parlamentare per le Questioni Regionali in sostituzione del sottosegretario, alle Infrastrutture, Umberto Del Basso De Caro.

I video delle trasmissioni andate in onda in TV l'8 e il 9 luglio 2014

Il dibattito sulle riforme istituzionali sta caratterizzando il lavoro parlamentare di questi ultimi mesi. I media lo seguono con attenzione per l'importanza che i temi hanno nell'agenda del Governo e nei desiderata dell'opinone pubblica. Quali riforme e con quali tempi: di questo ha discusso Francesco Sanna ospite de LA7 a " Coffee Break" dell'8 luglio e del TG3 a " Linea notte estate" del 9 luglio 2014.

Alla Sardegna destinati 43 milioni di euro

Nei giorni scorsi con una delibera del Cipe il Governo ha definito il piano da oltre un miliardo di euro per l'edilizia scolastica. I finanziamenti sono stati destinati alle scuole di tutte le 20 regioni italiane, secondo le indicazioni che, su invito del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, sono arrivate da sindaci e amministratori locali. La Sardegna ha ottenuto uno stanziamento di oltre 43 milioni di euro.

Da La Nuova Sardegna di domenica 6 luglio 2014

Nel 2015 e 2016, sarà disponibile un nuovo tesoretto per le imprese: 75 milioni il primo anno, 100 milioni di euro il secondo. «Nella conversione del decreto Irpef – spiega Francesco Sanna – il Parlamento ha finanziato con fondi dal bilancio dello Stato, con 75 milioni di euro per il 2015 e 100 milioni di euro per il 2016, le Zone franche urbane nelle regioni del Mezzogiorno, tra cui la Sardegna ( guarda il video della conferenza stampa).

Le risorse del Decreto Legge Irpef si aggiungono a quelle del Piano Sulcis giÓ in attuazione

Nella conversione del decreto IRPEF il Parlamento ha finanziato con fondi dal bilancio dello Stato, con 75 milioni di euro per il 2015 e 100 milioni di euro per il 2016 le Zone Franche Urbane nelle regioni del Mezzogiorno, tra cui la Sardegna.