iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
La rendicontazione periodica del senatore Sanna riguarda il trimestre luglio-agosto- settembre 2012

Le spese sostenute dal senatore Sanna, per l'espletamento del mandato parlamentare, nel III trimestre 2012 ammontano a € 17.393,42. Gli importi più significativi riguardano i 5.020,00 euro di contributi versati al PD nazionale e regionale, i 5.740,00 € per il personale che collabora nell'attività istituzionale e politica, i 3.703,5 euro per le spese di affitto di sedi e uffici.

Il commento di Francesco Sanna sull'incontro del Comitato per la Continuità territoriale al Ministero dei Trasporti

Abbiamo appreso con piacere che qualche giorno fa, al Ministero dei Trasporti si è tenuta una importante riunione sulla continuità territoriale marittima della Sardegna. Presieduta dal sottosegretario Improta, alla presenza dei dirigenti del Ministero, insieme ai vertici societari di Tirrenia, la società concessionaria del servizio pubblico di trasporto di persone e merci per la Sardegna. Dall’altra parte del tavolo, il Comitato per la Continuità territoriale della Sardegna.

Francesco Sanna illustra i contenuti degli emendamenti per la salvaguardia dell'autonomia regionale sarda ( sotto AUDIO intervento in Commissione)

“Anzitutto, chiediamo che non si tocchi l’articolo 116 della Costituzione – che riconosce le << forme e condizioni particolari di autonomia>> delle regioni speciali” dice Sanna. “Che esse debbano contribuire agli obiettivi finanziari che derivano dall’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea non ha bisogno di specificazioni in Costituzione. Su questo punto ho accolto con soddisfazione la precisazione del ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, che segue i lavori parlamentari. Filippo Patroni Griffi, in risposta ad un mio intervento, ha precisato che non è intenzione del Governo attribuire al nuovo testo la forza di modificare unilateralmente il regime pattizio".

Francesco Sanna spiega perchè è corretto riassegnare le zone franche urbane alla Sardegna

Le zone franche urbane sono un dispositivo che prevede sgravi fiscali alle micro e piccole imprese in porzioni di aree profondamente degradate. L’obiettivo dichiarato delle ZFU è la creazione di occupazione attraverso misure di fiscalità di vantaggio a discriminante territoriale, come intervento contro l’esclusione sociale, piuttosto che strumento per la promozione economica ( Nel VIDEO l'illustrazione degli emedamenti di Francesco Sanna- VIDEO 2 conclusioni. Sabato 27 ottobre 2012, Quartu S.E.).

Depositata da Francesco Sanna in Senato il 22 ottobre 2012

Si chiede di sapere: se il Ministro interrogato intenda ripristinare il riconoscimento del tirocinio pregresso ai fini dell’iscrizione al Registro dei revisori contabili o, in alternativa e in via transitoria, prevederne la validità ai fini della domanda di iscrizione esclusivamente per coloro che hanno già iniziato l’attività di tirocinio, ma ancora non hanno provveduto alla presentazione della domanda per l’iscrizione al relativo Registro.

Durante il vertice istituzionale a Villa Devoto (20.10.12) il senatore democratico parla di rif.titolo v, e zone franche urbane

Nella III parte del suo intervento ( 3' e 52'') durante il vertice a Cagliari, Villa Devoto ( 20.10.2012), Francesco Sanna parla dela riforma del Titolo V° della Costituzione; delle Zone Franche Urbane nel dl crescita. Su questo chiede: E’ disposta la Regione a riprogrammare una quota di fondi strutturali comunitari ?

Francesco Sanna nel vertice a Cagliari, Villa Devoto (20.10.2012), parla di infrastrutture, protezione civile, bonifiche minerarie

 

Nella II parte del suo intervento ( 6' e 22") Francesco Sanna parla di : infrastrutture - strada statale Sassari- Olbia; · L’origine del commissariamento di protezione civile. Sospensione dei termini di ritorno al regime ordinario o radicamento dei poteri in capo alla Regione?; - Creato da una ordinanza di protezione civile vi è anche l’ufficio del Commissario per le bonifiche minerarie. Va assolutamente confermato.


Il senatore democratico nel vertice a villa Devoto parla di Corte Costituzionale, di entrate, di Tirrenia, di trasporti (Cagliari, 20.10. 12)

Nella prima parte (  6' e 43'') del suo intervento Francesco Sanna dice:· Il conflitto tra la Sardegna e lo Stato doveva essere sollevato, davanti alla Corte Costituzionale, molto prima;  - La questione entrate, la mancata impugnativa, la scelta sbagliata di investire la commissione paritetica della redazione di norme di attuazione; ·La questione Tirrenia nella legge spending review. Attenzione a non colpire con fuoco amico la disposizione che riporta la Regione ad intervenire nella rinegoziazione delle convenzioni; ·Perché non si è impugnata la legge sulla privatizzazione Tirrenia del 2009?; ·Valorizzi il presidente della Regione i poteri attribuitigli nel 1979 sui traporti ( ascolta anche AUDIO 2 e 3).

 

L'opinione di Francesco Sanna sull'incontro a Cagliari col Presidente della Regione sarda.

Circa la richiesta di votare contro la modifica del Titolo quinto della Costituzione proposta dal Governo – che a causa dei tempi stretti da qui alla conclusione della legislatura è difficilissimo che trovi approdo -  penso che per difendere con successo in Parlamento la specialità regionale della Sardegna aiuterebbe molto che essa riconquisti, nella azione quotidiana di governo, la credibilità che oggi le manca. Siamo comunque impegnati, posto che il testo del disegno di legge costituzionale è stato reso noto da pochissimi giorni, a ragionarci insieme alla comunità sarda. E chiederemo che una rappresentanza dei consigli regionali sia sentita dal Senato in audizione, prima di iniziare qualsiasi discussione ( accedi alla sezione audiovideo del sito e ascolta l'audio degli interventi di Francesco Sanna).

Francesco sanna illustra la posizione del Pd sulla riforma elettorale, giovedì 18 ottobre 2012

L'audio dell'intervento di Francesco Sanna che nella Commissione Affari Costituzionali del Senato illustra la posizione dei democratici contraria al testo base approvato da Pdl, Lega e Udc che reintroduce il sistema proporzionale con le preferenze. Il senatore democratico spiega perchè un sistema elettorale con i collegi uninominali sarebbe più capace di avvicinare i candidati ai cittadini, ridurrebbe i rischi di corruzione essendo meno costose le campagne elettorali e garantirebbe maggiore possibilità di governabilità dell'Italia.