iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
La mozione dei senatori democratici, presentata il19 gennaio 2011, in discusione nella seduta del 23 febbraio 2011

impegna il Governo: a) a completare al più presto l'attività di monitoraggio ambientale avviata nel 2008, con particolare riferimento ai lotti 1, 3 e 5 di detta indagine, affidandone la supervisione all'Istituto superiore di sanità, al fine di fornire in tempi ragionevoli una risposta completa e affidabile in ordine ai rischi di carattere sanitario, epidemiologico ed ambientale presenti nell'area di Quirra; b) a disporre, in base ad un principio di ragionevole precauzione, la sospensione delle attività missilistiche a terra e in mare nonché di qualunque altra attività addestrativa, operativa o sperimentale che comporti l'uso di esplosivi o il rilascio di sostanze inquinanti; c) ad assicurare un costante monitoraggio delle condizioni ambientali dell'area, rendendo possibile l'accesso ai relativi dati alle amministrazioni locali e alle associazioni interessate al fine di garantire che il prosieguo delle attività del poligono avvenga in totale sicurezza.

Ripubblichiamo il commento video di Francesco Sanna al discorso del dittatore libico tenuto nel palazzo del Senato l' 11 luglio 2009

Nella dichiarazione video Francesco Sanna sostiene che:<< La decisione di non consentire al dittatore libico di tenere il suo discorso nell'Aula del senato si è rivelata giusta, alla luce del contenuto fortemente provocatorio delle parole che egli ha usato per denigrare l'occidente e la sua tradizione democratica. Singolare, poi, la sua ricetta per controllare l'immigrazione dei popoli che si spostano dall'Africa verso l'Europa:- datemi tanti soldi e farò io il lavoro sporco- ha sostanzialmente dichiarato- per bloccare le speranze di vita migliore dei tanti che fuggono da guerre, fame e dittature  >> (Roma 11 luglio 2009).

Audio dell'intervento di Francesco Sanna nella seduta del 16 febbraio 2011

Il disegno di legge, nel favorire la presenza delle donne nei luoghi qualificati di interesse strategico di governance delle imprese, sia pienamente in linea con l'ordinamento comunitario. Nel ricordare alcune critiche sollevate da un esponente del Governo circa il procedimento legislativo finora seguito per l'esame del disegno di legge, giudicato superficiale e poco ponderato, osserva che al contrario il provvedimento, presentato alla Camera dei deputati nel 2009, ove è stato approvato dopo un anno e mezzo, è ora all'attenzione del Senato che si accinge a compiere un esame altrettanto approfondito.

Francesco Sanna ricorda l'urgenza per la societÓ italiana di ridimensionare il maschilismo nelle imprese, 17 febbraio 2011.

Da un lato, le dichiarazioni pubbliche di alcuni dirigenti di primo piano del PDL, tese a rivendicare impropriamente la paternita' esclusiva di un'iniziativa di legge che invece, sin dall'inizio, e' stata sostenuta in modo trasversale da parlamentari di tutti gli schieramenti. Dall'altro, in Senato, una opposizione molto decisa di non pochi parlamentari, sempre del PDL. Nel mezzo una proposta di legge, quella sulle quote nei CdA delle societa' quotate, che rischia di pagare altissimo il prezzo di queste contraddizioni (ascolta l'audio dell'intervento in Commissione Affari Costituzionali).

I senatori democratici chiedono risposte urgenti al premier e ai ministri Sacconi e Romani, 16 febbraio 2011

L'urgenza dell'intervento del Governo è ancor più pressante dal momento che la protesta degli operai si è incanalata verso forme di lotta che possono recare pregiudizio all'incolumità degli stessi lavoratori. Il salvataggio del ciclo produttivo con un accordo serio - spiegano i senatori del Pd - consentirebbe di realizzare e attuare  investimenti indispensabili per migliorare la produzione, la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini ma soprattutto consentirebbe al nostro paese di rimanere 'in campo' sulla filiera industriale del cloro, tassello fondamentale dell'industria chimica.

La dichiarazione di Francesco Sanna sui rischi di chiusura della miniera di carbone del Sulcis-Iglesiente, 11 febbraio 2011

Dall’inizio di quest’anno, si applica il regolamento europeo per il quale si dovrà esplicitamente dire, per poter ripianare il disavanzo di Carbosulcis, che la miniera è destinata alla chiusura. E sempre per rimanere al rapporto con Bruxelles, il fatto che da mesi il Governo si rifiuti di rispondere alla semplice domanda posta nelle numerose interrogazioni dei senatori democratici – cosa avete fatto in un anno e mezzo per avere l’approvazione della Commissione Europea al nuovo progetto Carbosulcis previsto dalla legge 99/2009 ? – la dice lunga sulla responsabilità del centrodestra, a tutti i livelli.

L'iniziativa dei senatori democratici chiede al ministro di chiarire la linea di Governo e Regione in seguito alla sospensione dei decreti, 9.2.2011

se la Regione Sardegna abbia chiesto formalmente al Ministro di non dar seguito alle disposizioni contenute nei richiamati decreti ministeriali e se, nel caso, sia in corso una revisione dei contenuti; se i decreti ministeriali riguardanti la nuova continuità territoriale aerea, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica, siano stati revocati dal Ministro, interamente o parzialmente, per consentirne la modifica nel senso della proposizione di un’unica tariffa onerata agevolata, valida per tutti i passeggeri, senza distinzione tra residenti e non residenti;

Francesco Sanna replica alle dichiarazioni del deputato del PDL Mauro Pili (sotto anche la video dichiarazione)

Chi ha la responsabilità di fissare le tariffe della continuità territoriale aerea e di indire le gare (Regione e Governo nazionale) tace sulla confusa situazione in cui sta cacciando la Sardegna. L’onorevole Pili, che non ha queste responsabilità ma si vede che aspira ad entrambe (speriamo non in contemporanea) annuncia, smentisce e bacchetta tutti. Ma forse confonde i suoi fantasiosi desideri con la dura realtà dei fatti ( VIDEO).

La proposta del premier in una lettera al Corriere Della Sera

A sorpresa, dopo due anni e mezzo trascorsi a negare la crisi e a non riconoscere il ruolo democratico dell'opposizione, Berlusconi ha proposto un patto - con una lettera al Corriere Della Sera - al segretario del PD Bersani, per concordare delle misure economiche per far uscire l'Italia dalla grave situazione economica.

Francesco Sanna evidenzia le contraddizioni del centrodestra incapace di mantenere gli impegni per la Sardegna

La vicenda ci insegna come il centrodestra, maldestramente, sia impegnato  in un gioco fratricida tra Roma e Cagliari. I parlamentari del PDL tentano di accreditarsi come quelli che ottengono qualcosa di importante dal rapporto con il Governo, evidenziando la figuraccia dei sonnacchiosi amministratori regionali. Ma poi tutti vengono puntualmente smentiti dagli atti dei ministri, che si rimangiano gli impegni e dimenticano gli ordini del giorno parlamentari, tanto squillanti quanto inutili se chi li deve eseguire è un Governo che non mantiene la parola data