iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
L'iniziativa dei senatori democratici Ceccanti e Sanna, del 26 ottobre 2010

Il nostro Regolamento prevede oggi nel suo art. 33 un irragionevole divieto assoluto di pubblicità dei lavori per le sole sedute in sede referente e consultiva. La questione è emersa con particolare delicatezza in questa legislatura a proposito di una legge costituzionale, il ddl 2180, il cosiddetto Lodo Alfano costituzionalizzato, che non solo riveste un'importanza particolare nel dibattito pubblico, ma che, per le caratteristiche tipiche di quella fonte regolata dall'articolo 138 della Costituzione, potrebbe sfociare in un Referendum popolare, per il quale i cittadini dovrebbero avere la possibilità di formarsi un giudizio compiuto, anche delle fasi in Commissione.

Iniziativa dei senatori del PD. Da La Nuova Sardegna del 30 ottobre 2010 ( di Silvia Sanna). Sotto il testo dell'Interrogazione PD

A chi ha scoperto di essersi ammalato dopo il 1º gennaio 2008, non resta che rivolgersi a un avvocato e iniziare una lunga battaglia in tribunale. Chi, invece, ha contratto l’infezione prima del 2008, dovrà fare i conti con un sistema che se ne infischia del tasso d’inflazione: l’indennizzo, se arriverà, non sarà rivalutato di anno in anno sulla base del costo della vita. Morale: cancellazione di circa un terzo dell’importo dovuto. Non solo. Dietro l’angolo c’è l’incubo prescrizione che scatta dopo 15 anni. Scaduto quel termine, il diritto al risarcimento decade.

Bunga bunga e dintorni

Questi cattocomunisti di Famiglia Cristiana sono davvero curiosi. Prima allarmano il Paese, gridando al lupo al lupo per i respingimenti in mare aperto, il reato di immigrazione clandestina, la violazione del diritto internazionale d’asilo. Poi quando uno di cuore buono accoglie la ragazza Ruby a casa sua, aiutando come può questa piccola malvissuta, invece di applaudire alla rincociliazione con l’Africa, gli danno del malato.

Francesco Sanna rende note le spese sostenute nel periodo luglio-settembre dell'anno corrente

Francesco Sanna presenta il rendiconto delle spese sostenute per svolgere le funzioni politico- istituzionali di senatore democratico (luglio - settembre 2010). Riguarda il terzo trimestre del 2010.

Gli aggiornamenti di Francesco Sanna, dalla I Commissione del senato, giovedì 28 ottobre 2010

Alla scadenza dei nuovi termini per la  presentazione degli emendamenti al Ddl 2180 Gasparri, nella Commissione Affari Costituzionali, il sen. Francesco Sanna (Pd) spiega cosa sta succedendo e quali sono i contenuti delle modifiche richieste dal PDL e da FLI.

Le dichiarazioni di Francesco Sanna riprese dalle agenzie Agi e Ansa nelle giornate del 19, 21 e 28 ottobre 2010

Il senatore Sanna si è detto scettico sul fatto che il Lodo Alfano costituzionale sarà mai approvato. "Se i finiani di Futuro e libertà - ha spiegato Sanna - tengono il punto, stante la nostra contrarietà al provvedimento nel suo complesso, mi pare difficile che si arriverà mai alla votazione del provvedimento perchè‚ non c'è la maggioranza. In quel caso sarà avviato verso un binario morto".

Sul successo dell'iniziativa dei senatori democratici, l'articolo su La Repubblica del 26 ottobre 2010 a firma di Carmine Saviano

L'occhio della rete nella Commissione Affari Costituzionali del Senato. Per portare in diretta web la discussione sul Lodo Alfano. I promotori dell'iniziativa sono Stefano Ceccanti e Francesco Sanna, senatori del Partito Democratico. Che sulla pagina Facebook "Rompiamo lo scudo" 1, forniscono in tempo reale appunti e commenti sulla discussione in corso.

Il calendario dei lavori sul lodo Alfano, della settimana, nella commissione Affari Costituzionali

Il presidente Carlo Vizzini nelle ultime settimane  ha impresso una forte accelerazione ai lavori della Commissione. Nella settimana dal 25 al 29 ottobre la Commissione si riunirà tutti i giorni almeno due volte al giorno anche in seduta notturna.

Francesco Sanna ha scritto una nota pro memoria ai colleghi senatori del Pd per ricostruire i fatti che hanno portato al caso Quirinale

Pro memoria per comprendere come le obiezioni del presidente Napolitano nella sua lettera di oggi a Presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato siano state sviluppate nell'azione di opposizione del gruppo PD.

Il Presidente della Repubblica ha scritto ai Presidenti Schifani e Fini e al presidente della Comm. Aff.ri Cost. in senato, Carlo Vizzini

Ritengo di dover esprimere profonde perplessità sulla conferma da parte della Commissione della scelta d'innovare la normativa vigente prevedendo che la sospensione dei processi penali riguardi anche il Presidente della Repubblica. Questa previsione non era del resto contenuta nella legge Alfano da me promulgata il 23 luglio 2008.