iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
I risultati davano Castangia vincitore in provincia di Cagliari e Pirisi a Nuoro, Careddu a Olbia (sotto guarda le liste e gli eletti)

Il voto degli iscritti di sabato 16 gennaio 2010 ha decretato l'elezione dei primi segretari provinciali del PD sardo. Scontata l'elezione dei segretari delle province di Sassari ( Giuseppe Lorenzoni), di Oristano ( Gianni sanna), del Sulcis ( Emanuele cani), del Medio Campidano ( Mirko Vacca), dell'Ogliastra ( Franco Sanna), tutti candidati unitari. L'attenzione era rivolta alle sfide di Cagliari, Nuoro e olbia.

L'opinione di Roberto Puddu, sindacalista CGIL- Sulcis Iglesiente

C’è una cosa che da certamente fastidio su come alcuni raccontano le iniziative di mobilitazione che stiamo mettendo in campo per impedire la fermata di Alcoa e con essa non pregiudicare irrimediabilmente la possibilità di ripresa produttiva della filiera e non solo: la parzialità dell’informazione che, a volte, viene ripiegata e condizionata dalle preconcette opinioni di qualche giornalista che, con indelicato (data la situazione) sarcasmo e supponenza, esprime più che altro sue personali opinioni e/o convinzioni, piuttosto che le risultanze reali degli avvenimenti.

La cronaca di Radio Press con la non stop dal tavolo delle trattative al Ministero dello Sviluppo
Non c’è l'accordo tra il Governo e l'Alcoa. Nella sede del Ministero per lo Sviluppo è avvenuta la rottura, dopo una trattativa fiume andata avanti per tutta la notte. Il nodo su cui non si è trovata l'intesa è il prezzo dell’energia: con gli interventi del Governo è sceso sensibilmente, fino a 35 euro a megawattora, ma è ancora troppo alto per la multinazionale, che chiedeva un abbassamento fino a 30 euro.
Il pezzo di Giuseppe Meloni su L'Unione Sarda, 6 gennaio 2010

Niente miracolo a Cagliari, nel Pd: la ricerca del candidato unico alla segreteria provinciale è fallita. Almeno però i democratici evitano la gara a quattro, con accordi inattesi maturati quasi alla scadenza delle candidature, alle 14 di ieri: come quello tra l’area di Francesca Barracciu (che alle primarie sosteneva Franceschini) e i bersaniani di Giampaolo Diana.

Il rendiconto dell'impegno di Francesco Sanna nella I Commissione del Senato (sotto puoi scaricare il file allegato)

La Commissione Affari Costituzionali, di cui è componente Francesco Sanna, ha rendicontato l'attività svolta nel corso della XVI legislatura, dal 22 maggio 2008 al 22 dicembre 2009.      

L'editoriale di Ilvo Diamanti su Repubblica di domenica 27 dicembre 2009

E' tornato a parlare agli italiani, Silvio Berlusconi, dopo l'aggressione avvenuta a Milano due settimane fa. E la soddisfazione, nelle sue parole, ha largamente sopraffatto i segni della paura e del dolore. D'altronde, il moto di emozione e di solidarietà, seguito all'episodio, ha aiutato Berlusconi a risalire nei sondaggi, dopo mesi e mesi di declino.

Sotto l'albero dei senatori

La mia capogruppo, a Natale, ha regalato il libro di Vittorio Sermonti "Il vizio di leggere". Gasparri, invece, ha donato a ciascuno dei suoi senatori una televisione con schermo ultrapiatto, disobbedendo a Silvio B. che chiedeva una tessera PDL sotto l'albero. Vive la difference ...

Francesco Sanna critica la volontà del Governo di voler imbavagliare internet

"Questo Paese ha vissuto momenti molto più bui di quello attuale eppure non è mai stata sacrificata la libertà di esprimere le proprie opinioni attraverso ogni mezzo di informazione". Lo dichiara, nel suo intervento in diretta telefonica a Youdem, il senatore del Pd Francesco Sanna, commentando le intenzioni del Ministro Maroni di voler procedere all'emanazione di norme per oscurare i siti con contenuti violenti.

Le parole di Giorgio Napolitano e due editoriali di Giannini e Stella a commento dei fatti di Milano culminati nell'aggressione al premier

Basta con l'esasperazione della lotta politica, non si alimentino le tensioni, ognuno misuri le parole dovunque si parli: nelle piazze, nei congressi di partito e in tv. Ciascuno faccia la sua parte: non ha senso, adesso, che gli uni accusino gli altri per il clima che si è creato.

Le proposte del PD per far uscire le famiglie e le imprese italiane dalle difficoltà economiche

Alzare i redditi medio bassi, dare un po’ di liquidità alle piccole e medie imprese, dare il via ad un piano di piccole opere e incentivare la green economy. Sono quattro cose da fare in fretta per arginare “una crisi che morde” e sono le quattro proposte messe in campo da Pier Luigi Bersani nel corso della presentazione dell’iniziativa “Mille piazze per l’alternativa”.